Home Quem somos Legislação Estatuto Mensagem do Presidente Contato

São Paulo, 14 Dezembro 2018 - 08:20 PATRONATO ENAS BRASIL    Roma, 14 Dicembre 2018 - 11:20
Aposentadoria/Pensioni
- INPS
- INSS
- Acordo Internacional
Cidadania Italiana
- Orientação
- Traduções
- Trentini/Sammarinesi
Destaques
Notícias
Links Úteis
Informações
- Brasil
- Itália
bra
IMMIGRATI, SEI UGL APRE SPORTELLO IN PAKISTAN
 
 
 
 



Il Sindacato Emigrati Immigrati dell’Ugl (Sei Ugl) arriva in Pakistan. Questa mattina, alla presenza del presidente del Sei Ugl, Luciano Lagamba, è stata inaugurata una nuova sede ad Islamabad.

Alla presentazione sono intervenuti il ministro per le risorse economiche pakistano, Asif Khwaja, rappresentanti dell’ambasciata italiana in Pakistan e del Parlamento Pakistano, il dirigente nazionale Sei Ugl Malik Nasser Ahmed, Patrizia del Ninno, (Ciscos Ugl), e Anna Maria Spalluto (dirigente confederale).

“L’Ugl è la prima organizzazione sindacale ad aprire una propria sede in Pakistan – spiega Lagamba – consolidando il legame che in questi anni si è venuto a creare con la comunità pakistana. Non a caso, proprio un rappresentante pakistano, già impegnato all’interno del Sei Ugl, a gennaio è entrato a far parte del Consiglio nazionale dell’Ugl. Abbiamo riscontrato un grande entusiasmo per l’apertura di questo sportello che, in linea con la filosofia del Sei Ugl, saprà fornire tutta l’assistenza necessaria per i lavoratori pakistani già presenti in Italia e per quelli che intendono venire nel nostro Paese”.

“L’apporto della comunità pakistana in Italia è notevole con 3mila imprenditori pakistani, più del 5 per cento del totale riferito agli stranieri. Senza dimenticare – aggiunge Lagamba –il contributo della manodopera straniera all’universo delle piccole imprese su cui si fonda la ricchezza e l’originalità del made in Italy. La presenza del Sei Ugl in Pakistan punta a consolidare questo circolo virtuoso perché – conclude il sindacalista - solo conciliando le istanze nazionali con quelle dei paesi extracomunitari è possibile porre le fondamenta per una immigrazione consapevole e una convivenza sana e rispettosa”.


Fonte:
Sei/Ugl