Home Quem somos Legislação Estatuto Mensagem do Presidente Contato

São Paulo, 14 Dezembro 2018 - 12:59 PATRONATO ENAS BRASIL    Roma, 14 Dicembre 2018 - 15:59
Aposentadoria/Pensioni
- INPS
- INSS
- Acordo Internacional
Cidadania Italiana
- Orientação
- Traduções
- Trentini/Sammarinesi
Destaques
Notícias
Links Úteis
Informações
- Brasil
- Itália
bra
MENO PARTITI PIÙ RIFORME: CI METTO LA FIRMA`. GRANDE SUCCESSO DELLA GIORNATA DEDICATA ALLA RACCOLTA FIRME DALL UGL
 
 
 
 

IL PATRONATO ENAS BRASILE APPOGGIA IL REFERENDUM CON CONVINZIONE SPERANDO CHE LA POLITICA ITALIANA POSSA COMPIERE QUEL SALTO DI QUALITÀ NECESSARIO PER AFFRONTARE I PROBLEMI DELL`ITALIA CON LA GOVERNABILITÀ CHE SOLO UNA NUOVA LEGGE ELETTORALE PUÒ GARANTIRE.

 

Mario Antonio Turnaturi
Presidente Patronato Enas Brasile

 

"L’Ugl ha allestito tavoli in tutta Italia per la raccolta delle firme per sostenere il referendum elettorale. Il successo dell’iniziativa, testimoniato dal grandissimo numero di persone che in tutte le piazze dove siamo presenti si sono fermate a firmare, dimostra la voglia di cambiamento dei cittadini”.

È quanto ha dichiarato il segretario generale dell’Ugl, Renata Polverini, presente sabato 23 giugno al banchetto al centro di Roma, in via del Corso, di fronte al civico 104.
"Quella di sabato, infatti, è stata la giornata nazionale che l’Ugl, unico sindacato che ha aderito alla campagna referendaria, ha dedicato alla raccolta firme con lo slogan `meno partiti più riforme: ci metto la firma`". In tutto il paese sono presenti 200 tavoli in oltre 90 città italiane in modo da poter dare un concreto contributo all’iniziativa lanciata dal Comitato guidato da Giovanni Guzzetta.

"Siamo convinti – ha aggiunto Polverini - che il Paese debba tornare ad avere una legge elettorale che garantisca stabilità governativa, consenta un effettivo esercizio del diritto all’elettorato attivo e passivo e riduca il numero dei partiti e conseguentemente, i costi della politica”.


Fonte:
UGL



PER FIRMARE ALL`ESTERO:

Dalla prima settimana di giugno sarà possibile firmare a favore dei Referendum abrogativi per l`attuale legge elettorale SOLO presso gli Uffici consolari e le sole Ambasciate con funzioni consolari.

http://www.esteri.it/ita/2_11_6.asp

La condizione indispensabile per apporre la firma, è rappresentata dalla vostra iscrizione all’A.I.R.E. ( Anagrafe italiani Residenti all’Estero).

Ogni firma è per noi tutti preziosa, ma la vostra ancor di più, chè seppur lontani volete contribuire al miglioramento del nostro paese.



Alleghiamo una nota pervenuta dal Capo Ufficio Stampa del Ministero degli Esteri :

"Desidero comunicare a tutti gli interessati che il Ministero degli Esteri ha provveduto il 31 maggio a confermare a tutte le Ambasciate e a tutti i Consolati che gli Italiani residenti all`estero che lo desiderino possono firmare il modulo di raccolta firme. Da parte sua, a quanto mi risulta, il Comitato Promotore sta provvedendo a far pervenire alle nostre Ambasciate e Consolati, via corriere diplomatico, un sufficiente numero di moduli già vidimati. Appena ricevuti i moduli, gli uffici all`estero potranno dare concretamente avvio alla raccolta e autenticazione delle firme, controllando ovviamente che i firmatari siano iscritti nelle liste elettorali per il voto all`estero nelle rispettive circoscrizioni. I moduli dovranno essere restituiti poi al Ministero degli Esteri perché a sua volta possa consegnarli al Comitato promotore entro la data del 15 luglio 2007. Le nostre Ambasciate ed i nostri Consolati sono stati infine pregati di dare la massima diffusione all`iniziativa, tra l`altro esponendo nelle sedi un avviso al pubblico. Preciso che gli Uffici all`estero interessati sono i Consolati di I categoria (cioè non quelli onorari, né agenzie consolari o corripondenti consolari) e le Ambasciate che svolgono funzioni consolari tramite cancellerie o sezioni consolari. Solo a tali Sedi perverranno i moduli vidimati per la raccolta delle firme. Con i più cordiali saluti,

Pasquale Ferrara, Capo Ufficio Stampa del Ministero degli Affari Esteri"





PER SAPERNE DI PIÙ ENTRA NEL SITO:

http://www.referendumelettorale.org/