Home Quem somos Legislação Estatuto Mensagem do Presidente Contato

São Paulo, 17 Dezembro 2018 - 07:56 PATRONATO ENAS BRASIL    Roma, 17 Dicembre 2018 - 10:56
Aposentadoria/Pensioni
- INPS
- INSS
- Acordo Internacional
Cidadania Italiana
- Orientação
- Traduções
- Trentini/Sammarinesi
Destaques
Notícias
Links Úteis
Informações
- Brasil
- Itália
VISCO: SALARI DEI GIOVANI COME DECENNI FA
 
 
 
 

CATANIA  - "Per un riequilibrio strutturale e duraturo" dei conti pubblici "é necessario che il paese torni a crescere". Lo afferma il governatore della Banca d`Italia Ignazio Visco al congresso dell`associazione magistrati minorili secondo cui gli interventi adottati d`estate "miglioravano i conti ma non erano sufficienti".

Secondo il governatore "innalzare il potenziale di crescita richiede interventi ad ampio spettro; tra questi, una riforma degli istituti di governo dell`economia per stimolare l`attività d`impresa e l`inserimento durevole nel mondo del lavoro, soprattutto delle donne e dei giovani". Visco ricorda come siano "note da tempo" le aree di intervento "più concorrenza, in particolare nei settori dei servizi protetti; un più ampio accesso al capitale di rischio, soprattutto per le imprese innovative; una regolamentazione del mercato del lavoro e un sistema di protezione sociale che, agendo congiuntamente, favoriscano la riallocazione delle risorse umane verso gli impieghi più produttivi; una giustizia civile più efficiente". "Vi è però - aggiunge il governatore - un ulteriore punto, almeno importante quanto i precedenti: l`aumento della dotazione di capitale umano del nostro paese".

"I salari di ingresso nel mercato del lavoro sono oggi in termini reali su livelli pari a quelli di alcuni decenni fa". Secondo Visco i giovani "che si affacciano oggi sul mercato del lavoro sembrano esclusi dai benefici della crescita del reddito occorsa negli ultimi decenni".

"L`acuita tensione sui mercati finanziari negli ultimi mesi ha reso precario l`equilibrio" del debito pubblico italiano assicurato da bassi tassi di interesse e interventi per riequilibrare le finanze che consentiva di "sostenere l`onere di un elevato stock di debito".

 

Fonte:
ANSA.it