Home Quem somos Legislação Estatuto Mensagem do Presidente Contato

São Paulo, 15 Dezembro 2018 - 16:32 PATRONATO ENAS BRASIL    Roma, 15 Dicembre 2018 - 19:32
Aposentadoria/Pensioni
- INPS
- INSS
- Acordo Internacional
Cidadania Italiana
- Orientação
- Traduções
- Trentini/Sammarinesi
Destaques
Notícias
Links Úteis
Informações
- Brasil
- Itália
IN ITALIA SEIMILA STUDENTI DAL BRASILE
 
 
 
 

Saranno circa seimila gli universitari brasiliani che nei prossimi tre anni trascorreranno un periodo accademico nel nostro paese. Lo comunica il ministero italiano dell`Istruzione, dell`università e della ricerca, che ha stretto un accordo in tal senso con il governo del Brasile per il triennio 2012-2014.

Un`intesa formale è stata siglata nei giorni scorsi presso la sede dell`Ambasciata del Brasile di piazza Navona, a Roma, tra gli organi competenti dei due paesi. Da una parte, il Coordinamento brasiliano di perfezionamento del personale di livello universitario (Capes) e il Consiglio nazionale brasiliano di sviluppo scientifico e tecnologico (Cnpq), che hanno il compito di incentivare la mobilità accademica.

Dall`altra, il dicastero italiano, oltre ai numerosi atenei e istituti di ricerca tricolori coinvolti nella grande iniziativa. L`atto fa parte di "Scienza senza frontiere", piano promosso dalla presidente del Brasile, Dilma Rousseff, con cui il governo di Brasília concederà 75mila borse di studio all`estero ad altrettanti giovani concittadini, in aree formative considerate prioritarie.

Secondo l`ambasciatore del Brasile in Italia, José Viegas Filho, anfitrione della cerimonia romana, «il programma "Scienza senza frontiere" apre un preziosissimo spazio per l`affermazione di una delle dimensioni più importanti della partnership strategica tra il Brasile e l`Italia.

Ne trarranno vantaggio i sistemi universitari brasiliano e italiano, per l`opportunità di una maggiore conoscenza reciproca e di realizzazioni congiunte, così come le comunità imprenditoriali, per gli avanzamenti generati nel campo dell`innovazione e le istanze governative».

Gli fa eco il ministro italiano Francesco Profumo, secondo il quale l`azione del governo brasiliano è «importante per chi vuole fare ricerca in modo moderno, mescolando il sangue e le esperienze. L`Italia è felice di partecipare a questo esperimento che porterà benefici a tutti, creando un ponte con il Brasile».

 

Fonte:
Antonio Forni
Musibrasil