Home Quem somos Legislação Estatuto Mensagem do Presidente Contato

São Paulo, 10 Dezembro 2018 - 11:19 PATRONATO ENAS BRASIL    Roma, 10 Dicembre 2018 - 14:19
Aposentadoria/Pensioni
- INPS
- INSS
- Acordo Internacional
Cidadania Italiana
- Orientação
- Traduções
- Trentini/Sammarinesi
Destaques
Notícias
Links Úteis
Informações
- Brasil
- Itália
PENSIONI: INPS ANTICIPA I PAGAMENTI DI MARZO
 
 
 
 

A breve non sarà più possibile riscuotere le pensioni inferiori ai 1000 euro in contanti: l’Inps ha anticipato i pagamenti dal 1 al 6 marzo per coloro che non hanno ancora provveduto a dotarsi di conto corrente postale o bancario.

Dall’Inps arrivano nuove regole per la riscossione delle pensioni, relative tuttavia solo al mese di marzo 2012: il 7 marzo, infatti, entrerà in vigore la normativa che sancisce i limiti di pagamento in contanti per importi superiori ai 1000 euro, pertanto i pensionati che rientrano in questa fascia potranno ritirare la pensione solo dotandosi di un conto corrente postale o bancario.

L’Inps ha quindi stabilito che tutti i pensionati possono riscuotere anticipatamente la rata di marzo, precisamente dal 1 al 6 presso l’ufficio postale competente, mentre per chi già percepisce gli emolumenti attraverso bonifico o libretto postale il termine dl 16 marzo rimane invariato.

«Questa straordinaria modalità di pagamento è stata prevista per dare più tempo ai pensionati di dotarsi di un conto corrente postale o bancario, di un libretto postale o di una carta prepagata sulla quale accreditare la pensione.»

Su richiesta dell’Inps, inoltre, i pensionati sono invitati a rendere note al proprio ufficio postale le coordinante bancarie necessarie per i pagamenti, utilizzando la modulistica online sul sito dell’Istituto o presso le sedi fisiche. Solo nel caso in cui si scelga un conto corrente o un libretto postale come mezzo di accredito, sarà Poste Italiane a dare comunicazione: a causa del nuovo limite per i pagamenti in contanti, infatti, successivamente al 7 marzo le pensioni di importo pari o superiore ai mille euro potranno essere riscosse solo utilizzando un conto corrente bancario, postale, o usufruendo di un libretto postale o di una carta prepagata.

A tal proposito l’Inps conferma che:

«Anche i pensionati che percepiscono una rata mensile di pensione inferiore a 1000 euro, potrebbero superare il limite consentito per il pagamento in contanti nel caso di somme aggiuntive, competenze arretrate, tredicesima o eventuali rimborsi. Per questo motivo si invitano tutti i pensionati che riscuotono la pensione in contanti a comunicare nel più breve tempo possibile il codice Iban.»

 

Fonte:
Pubblicaamministrazione.net