Home Quem somos Legislação Estatuto Mensagem do Presidente Contato

São Paulo, 18 Dezembro 2018 - 17:26 PATRONATO ENAS BRASIL    Roma, 18 Dicembre 2018 - 20:26
Aposentadoria/Pensioni
- INPS
- INSS
- Acordo Internacional
Cidadania Italiana
- Orientação
- Traduções
- Trentini/Sammarinesi
Destaques
Notícias
Links Úteis
Informações
- Brasil
- Itália
PENSIONATI, CON LE MANOVRE UNA STANGATA DA 3002 EURO
 
 
 
 

E’ questa la cifra che in media i pensionati italiani pagheranno per via dei tagli e della maggiori tasse imposte dalle due manovre di luglio e di agosto e da quella del governo Monti (il decreto salva-Italia). Il calcolo è stato fatto dall’Auser, associazione di volontariato che fa capo alla Cgil.

La somma, 3002 euro, mette insieme un taglio delle erogazioni degli enti locali di 163 euro la0pnno, gli aumenti dell’Iva (270 euro a famiglia), l’IMU sulla prima casa (360 euro l’anno), gli aumenti delle accise sulla benzina (120 euro l’anno), e poi ancora le addizionali e gli altri aumenti dei tributi degli enti locali.

In più, per i pensionati con un assegno superiore ai 1402 euro mensili, che rappresentano il 22% del totale, si somma la mancata indicizzazione delle pensioni. La nuova tassa sulla casa, fa notare inoltre l’Auser, penalizza i tantissimi anziani soli e con redditi bassi (mentre le famiglie con figli piccoli possono usufruire delle detrazioni). Probabilmente l’IMU si tradurrà in un ulteriore aumento delle vendite della nuda proprietà: nel 2013 le offerte sono cresciute del 13% (ma il prezzo è sceso del 6-7%, in sintonia del resto con l’andamento in discesa del mercato immobiliare). E gli aumenti tributari andranno a incidere su una situazione già grave: i pensionati poveri in Italia sono 2,3 milioni (dati Istat).

 

Fonte:

La Repubblica