Home Quem somos Legislação Estatuto Mensagem do Presidente Contato

São Paulo, 18 Dezembro 2018 - 21:33 PATRONATO ENAS BRASIL    Roma, 19 Dicembre 2018 - 00:33
Aposentadoria/Pensioni
- INPS
- INSS
- Acordo Internacional
Cidadania Italiana
- Orientação
- Traduções
- Trentini/Sammarinesi
Destaques
Notícias
Links Úteis
Informações
- Brasil
- Itália
LAVORO: TRE MILIONI DI ITALIANI "INATTIVI", 2, 1 MLN DISOCCUPATI
 
 
 
 

(AGI) - Roma, 19 apr. - Sono 2,108 milioni i disoccupati in Italia nel 2011 pari all`8,4% del totale della forza lavoro. Lo comunica l`Istat precisando che gli uomini disoccupati sono 1,114 milioni e le donne 993.000, pari rispettivamente al 7,6% e al 9,6% della forza lavoro totale.

Ma c`e` altro dato preoccupante da segnalare. Mai cosi` tanti in Italia dal 2004 gli inattivi disposti a lavorare ma che non cercano lavoro.


  Sono 2 milioni 897 mila, il 4,8% in piu` (+133 mila unita`) su base annua. Lo comunica l`istat nel report sugli indicatori di disoccupazione. In percentuale delle forze di lavoro si passa dall`11,1% del 2010 all`11,6% del 2011.

In questo contesto, spiega l`istituto nazionale di statistica, il divario di genere continua a rimanere elevato. Nella media dello scorso anno, le donne che appartengono a questo gruppo di inattivi corrispondono al 16,8% delle forze di lavoro femminili, a fronte del 7,9 % degli uomini. Gli inattivi disponibili che non cercano lavoro sono in Italia il triplo di quelli europei.

In Italia c`e` una quota decisamente piu` elevata della popolazione inattiva piu` contigua alla disoccupazione: il 12,1% a fronte del 4,6% dell`Ue. In particolare, si trovano nel nostro paese un terzo dei circa 8,6 milioni di individui che nei paesi dell`Unione europea dichiarano di non cercare lavoro ma di essere disponibili a lavorare, a fronte di poco piu` del 9% dei disoccupati italiani sul totale dei disoccupati Ue.


  Anche in rapporto alle forze di lavoro, questo gruppo di inattivi e` superiore in Italia di oltre tre volte quello Ue: l`11,6% in confronto al 3,6%. Peraltro, percentuali molto contenute emergono in numerosi paesi tra i quali Francia (1,1%), Grecia (1,3%), Germania (1,4%) e Regno Unito (2,4%).
 

Fonte:
AGI