Home Quem somos Legislação Estatuto Mensagem do Presidente Contato

São Paulo, 18 Dezembro 2018 - 21:30 PATRONATO ENAS BRASIL    Roma, 19 Dicembre 2018 - 00:30
Aposentadoria/Pensioni
- INPS
- INSS
- Acordo Internacional
Cidadania Italiana
- Orientação
- Traduções
- Trentini/Sammarinesi
Destaques
Notícias
Links Úteis
Informações
- Brasil
- Itália
CON LA NUOVA ICE, VERSO NUOVI MERCATI E NUOVE SFIDE
 
 
 
 
di Ghileana Galli
SPECIALE MISSIONE ITALIA-BRASILE - Intervista al neo-eletto Presidente dell’Agenzia ICE, Riccardo Monti

Alla fine di aprile è stato nominato il nuovo Presidente dell’ICE - Agenzia per la promozione all’estero e l’internazionalizzazione delle imprese italiane. Si tratta di Riccardo Monti, 44 anni, esperto conoscitore dei mercati esteri grazie all’esperienza maturata, negli ultimi quindici anni, come Executive Director del Gruppo Value Partners, che gli ha permesso di lavorare con Corporation e Governi di oltre 30 Paesi, in particolare nei grandi mercati emergenti.
Con lui abbiamo parlato dei prossimi impegni e obiettivi che vedranno protagonista la nuova ICE.

Presidente Monti, quali sono le sfide che attendono la nuova ICE?
La sfida vera è trasformare il vecchio Istituto in una moderna Agenzia. Il che significa non solo promuovere le esportazioni , ma valorizzare sui mercati mondiali l’intero Sistema Paese, anche come meta di investimenti. La nostra priorità, ora, è preparare un piano straordinario di sviluppo che, da una parte, abbia come focus le PMI e la promozione di territori storicamente meno propensi all’internazionalizzazione, come il Sud Italia; dal l’altra, potenzi la nostra presenza su nuovi mercati.

Quali in particolare?
La seconda sfida che si pone la nuova ICE è di carattere geografico. Puntiamo infatti a spingere il nostro Sistema Italia non solo sui mercati ormai consolidati, quali quello europeo e nord-americano, ma soprattutto sui mercati emergenti, dove del resto le nostre imprese possono oggi trovare maggiori opportunità. Penso all’Asia, all’Africa Subsahariana, all’America Latina. In questa direzione si inseriscono la recente missione in Turchia e la grande missione di sistema che impegnerà istituzioni, organizzazioni ed imprese italiane in Brasile a fine maggio.

La nuova ICE lavora anche in stretto racconto con il Ministero degli Esteri, quindi con Ambasciate e Consolati…
Naturalmente! Riteniamo fondamentale “fare rete”, operando in stretto raccordo con le Ambasciate ed i Consolati, così come con la rete camerale italo-estera; ma anche, in Italia, con le regioni, le camere di commercio, le organizzazioni imprenditoriali e gli altri soggetti pubblici e privati interessati.

Quali sono i settori principali che punterete a promuovere?
Stiamo realizzando analisi molto approfondite in tal senso, ma il nostro obiettivo è promuovere azioni mirate a seconda dei mercati di riferimento: solo conoscendo bene i nostri interlocutori, potremo proporre loro il settore, l’investimento più adatto.
D’altro canto, il nostro primo sforzo, in linea con quanto sta facendo il Governo, è mirato a ridare credibilità internazionale al nostro Paese. Bisogna spiegare che l’Italia è un mercato affidabile, e generare “curiosità” sulle opportunità che esso può offrire agli operatori economici ed agli investitori.

 

Fonte:
Italplanet