Home Quem somos Legislação Estatuto Mensagem do Presidente Contato

São Paulo, 11 Dezembro 2018 - 02:48 PATRONATO ENAS BRASIL    Roma, 11 Dicembre 2018 - 05:48
Aposentadoria/Pensioni
- INPS
- INSS
- Acordo Internacional
Cidadania Italiana
- Orientação
- Traduções
- Trentini/Sammarinesi
Destaques
Notícias
Links Úteis
Informações
- Brasil
- Itália
ITALIANI ALL`ESTERO, RAPANÁ (CGIE): COLPO FINALE A ITALIANI NEL MONDO APPASSIONATI DI CALCIO
 
 
 
 

"Apprendiamo con profondo rammarico la notizia secondo la quale il CdA della Rai non ha acquistato i diritti per la stagione 2012-2013 del campionato di calcio di serie A. Quindi quest’anno milioni di italiani residenti all’estero non potranno piu’ seguire le partite della massima divisione italiana e l’appuntamento tanto atteso con la ‘Giostra del Gol’.

Già nel dicembre dell’anno scorso eravamo intervenuti prontamente per denunciare la soppressione della produzione dei programmi da parte di Rai Italia destinati agli italiani all’estero. Allora la notizia aveva colto di sorpresa milioni di utenti nel mondo che da anni si sentivano invece promettere un potenziamento di RAI Italia. Con quella decisione pensavamo di aver raggiunto il fondo nei già stremati rapporti tra l’Italia e gli italiani nel mondo. Evidentemente ci sbagliavamo, perchè quella che apprendiamo oggi è una misura drastica, punitiva, assolutamente miope: il colpo finale per demolire definitivamente la Rai e il rapporto che, attraverso di essa, l’Italia aveva con gli italiani all`estero".

Così in una nota Giovanni Rapaná, consigliere Cgie in Canada, che continua: "Chi ha preso questa decisione è erroneamente convinto che mantenere i rapporti con gli italiani all’estero sia una spesa che non porta nulla in ritorno all’Italia. Forse non sa che anche gli italiani nel mondo pagano il canone mensile per ricevere RAI Italia e senza contare che gran parte di loro pagano le tasse in Italia. Come feci allora, continuo a pensare che tutto questo rientra in un disegno di demolizione della Rai, come servizio pubblico, a vantaggio delle televisioni private che, stranamente, potenziano la loro presenza all’estero, prima fra tutte Mediaset!".

 

Fonte:
Italia chiama Italia