Home Quem somos Legislação Estatuto Mensagem do Presidente Contato

São Paulo, 15 Dezembro 2018 - 19:01 PATRONATO ENAS BRASIL    Roma, 15 Dicembre 2018 - 22:01
Aposentadoria/Pensioni
- INPS
- INSS
- Acordo Internacional
Cidadania Italiana
- Orientação
- Traduções
- Trentini/Sammarinesi
Destaques
Notícias
Links Úteis
Informações
- Brasil
- Itália
INPS: COMUNICAZIONE DATI PER PENSIONI OLTRE MILLE EURO ENTRO 30/09
 
 
 
 

(ASCA) - Roma, 25 set - Scade il 30 settembre il termine entro cui i pensionati debbono comunicare le modalita` di riscossione alternative al contante nel caso in cui la propria prestazione superi i mille euro. Lo comunica l`Inps, spiegando che la legge 214 del 22 dicembre 2011 (il cosiddetto decreto Salva Italia) ha infatti disposto che la corresponsione di stipendi, pensioni e compensi comunque dovuti di importo superiore a mille euro debba avvenire attraverso l`utilizzazione di strumenti di pagamento elettronici (conti correnti bancari e postali, libretti nominativi di risparmio, carte di pagamento).

Il termine per la scelta, prorogato rispetto a quello originariamente previsto dalla legge, era il 30 giugno.

Tuttavia, per evitare difficolta` nella riscossione della pensione, e` stato previsto in favore dei pensionati un periodo transitorio durante il quale i pagamenti mensili sono stati egualmente disposti, ma le pensioni sono state trattenute in un conto di servizio transitorio, in attesa della comunicazione del pensionato delle modalita` di riscossione alternative al contante. Trascorso il termine, fissato al 30 settembre, senza che il pensionato abbia indicato i dati richiesti, le somme accantonate saranno restituite all`Inps.

Alla data di entrata in vigore della legge erano oltre 600mila (fra Inps ed ex Inpdap) i pensionati che percepivano in contanti pensioni mensili di importo complessivamente superiore a mille euro. Ad oggi risulta che un piccolo numero di essi, meno di duemila, debba ancora scegliere le modalita` elettroniche di pagamento da utilizzare per l`accredito della pensione. Per evitare difficolta` nella riscossione della rata pensione di ottobre, e` necessario pertanto che chi non abbia ancora provveduto, comunichi al proprio ufficio pagatore (Banca o Poste Italiane) o alla sede INPS che gestisce la pensione, le modalita` di pagamento elettronico prescelte.

L`Inps ricorda inoltre che per venire incontro alle difficolta` dei pensionati impossibilitati, per comprovati e gravi motivi di salute ovvero per provvedimenti giudiziari restrittivi della liberta` personale, a recarsi personalmente presso gli uffici postali o bancari, e` stato previsto che i soggetti che risultino essere delegati alla riscossione, in deroga alla normativa vigente, abbiano la possibilita` di chiedere l`apertura di un conto corrente base o di un libretto di risparmio postale, intestato al beneficiario, su cui ricevere il pagamento.

 

Fonte:
Asca