Home Quem somos Legislação Estatuto Mensagem do Presidente Contato

São Paulo, 15 Dezembro 2018 - 16:32 PATRONATO ENAS BRASIL    Roma, 15 Dicembre 2018 - 19:32
Aposentadoria/Pensioni
- INPS
- INSS
- Acordo Internacional
Cidadania Italiana
- Orientação
- Traduções
- Trentini/Sammarinesi
Destaques
Notícias
Links Úteis
Informações
- Brasil
- Itália
UNO SVILUPPO ECOSOSTENIBILE SUL MARE BRASILIANO
 
 
 
 

Al convegno organizzato a Santa Margherita Ligure da Scenari immobiliari su presente e futuro del real estate anche il Brasile e` arrivato in cerca di investitori. Il Paese sudamericano, esempio di un`economia che in pochi anni ha cambiato le sue sorti per diventare una delle Nazioni emergenti piu` promettenti – nonostante le ultime cautela sulla crescita del Pil per il 2012 (l`Fmi non piu` tardi di luglio ha tagliato le stime di crescita del Pil per il 2012 dal 3% al 2,5% mentre le ha riviste al rialzo per il 2013 al 4,5%) -, è anche una meta riconosciuta a livello internazionale per investimenti turistici e immobiliari.

Non solo quindi i "nouveau riches" brasiliani stanno diventando nelle mete di lusso europee e mondiali acquirenti di rilievo, a Londra ma anche in Italia, ma la comunità di acquirenti internazionali di case in genere di lusso cerca investimenti nel Paese, basta vedere i valori al metro quadrato raggiunti dal mattone nelle principali città brasiliane. Basti pensare che la capitale finanziaria San Paolo registra valori al mq anche oltre i 6.500 euro, mentre a Rio de Janeiro appartamenti in costruzione sulla celebre spiaggia di Ipanema costano anche 14mila euro al metro.
A Santa Margherita Ligure è arrivato a presentarsi un progetto misto, hotel e residenze, che vedrà la luce nella regione di Natal. L`obiettivo del progetto è edificare, con i criteri attuali del rispetto dell`ambiente e dell`ecosostenibilità, un`area di 2.500 ettari direttamente sul mare.
L`area è quella di Vista Mar Pitangui-Jacuma, dove il master plan prevede la realizzazione di hotel, resort e ostelli, ma anche condomini con vista mare, scuole e università, per fornire alla popolazione servizi in cambio del rapido sviluppo, esercizi commerciali di vario livello. Tutte opere per le quali sono già arrivati i primi permessi. Il progetto è supportato dalle istituzioni, in primis il Governo dello Stato di Rio Grande do Norte e delle municipalità direttamente interessate. I punti di forza del progetto, dicono i proponenti, sono le licenze ambientali gia` approvate, la facilità delle negoziazioni visto che l`area è di un unico proprietario, usi e prescrizione urbanistiche approvate. Vedremo se gli investitori italiani, fermi in un mercato ingessato come il nostro oggi, sono pronti a varcare l`oceano.

 

Fonte:
Il Sole 24 Ore