Home Quem somos Legislação Estatuto Mensagem do Presidente Contato

São Paulo, 15 Dezembro 2018 - 00:29 PATRONATO ENAS BRASIL    Roma, 15 Dicembre 2018 - 03:29
Aposentadoria/Pensioni
- INPS
- INSS
- Acordo Internacional
Cidadania Italiana
- Orientação
- Traduções
- Trentini/Sammarinesi
Destaques
Notícias
Links Úteis
Informações
- Brasil
- Itália
PENSIONI, ENNESIMI INNALZAMENTI DELL’ETÀ A PARTIRE DALL’ANNO PROSSIMO
 
 
 
 

Lavoratori e lavoratrici in procinto di andare in pensione, prendete nota delle novità perchè saranno parecchie e modificheranno di conseguenza anche la disciplina della “salvaguardia”. L’Istituto Nazionale per la Previdenza Sociale ha rilevato diversi cambiamenti nell’ambito della materia pensionistica durante l’anno solare 2011. Ecco quel che cambierà a partire dal prossimo anno.

Andiamo con ordine e partiamo dall’anzianità degli uomini. Tutti coloro i quali avranno maturato al termine del corrente anno il requisito dei 40 anni di contribuzione, andranno in pensione con un mese di ritardo. Il posticipo si protrarrà a due mesi per i lavoratori che avranno maturato l’anzianità necessaria nel 2013 e si prolungherà a tre mesi per i dipendenti che andranno in pensione nel 2014. In parole povere, se un lavoratore avrebbe potuto godere della pensione a partire dall’1 marzo 2014 si dovrà ritenere pensionato dopo novanta giorni, ossia dal primo di giugno in avanti.

La disciplina cambia per le donne lavoratrici e, in questo caso, le novità verranno introdotte a partire dal 2014. Fra un anno e poco più il requisito anagrafico dei sessanta anni si innalzerà progressivamente fino al 2026 in questo modo. Nel 2014 ci sarà un aumento di un mese, nel 2015 di ulteriori due mesi, nel 2016 di altri tre mesi, nel 2017 di quattro mesi, nel 2018 di ulteriori cinque mesi e dal 2019 al 2025 di altri sei mesi. L’ultima modifica è prevista appunto nel 2026 con un innalzamento di altri tre mesi dell’età pensionabile.

Verrebbe dunque a formarsi una catena di “posticipi” che innalzerebbe gradualmente ma considerevolmente l’età pensionabile per le donne. E’ sempre comunque valido il requisito della finestra mobile, ma questa è soltanto una magra consolazione.

 

Fonte:
Supermoney news