Home Quem somos Legislação Estatuto Mensagem do Presidente Contato

São Paulo, 10 Dezembro 2018 - 11:19 PATRONATO ENAS BRASIL    Roma, 10 Dicembre 2018 - 14:19
Aposentadoria/Pensioni
- INPS
- INSS
- Acordo Internacional
Cidadania Italiana
- Orientação
- Traduções
- Trentini/Sammarinesi
Destaques
Notícias
Links Úteis
Informações
- Brasil
- Itália
IL BRASILE IN CRISI SPERA NELLA PIOGGIA
 
 
 
 
Il presidente brasiliano Dilma Rousseff ha interrotto di colpo le vacanze. Il motivo è molto semplice: deve affrontare una crisi energetica che potrebbe distruggere i suoi sforzi per ripristinare la vitalità dell`economia del Brasile. Lo riferisce l`agenzia Reuters.

Alla base dell`allarme energetico
c`è la siccità record che in questo periodo ha lasciato le dighe idroelettriche brasiliane a corto di acqua. La Rousseff ufficialmente nega che ci sia il rischio di razionamento, ma alcuni analisti indipendenti non sono d`accordo, e affermano che la tutto dipende dalle piogge estive, che dovrebbero finalmente arrivare nelle prossime settimane.

Anche se con la pioggia il peggio potrebbe essere evitato, la crisi ha già spinto verso l`alto i prezzi dell`energia elettrica sui mercati, che potrebbero mettere in crisi il delicato equilibrio economico messo in piedi dalla Rousseff. Il presidente sta cercando di rilanciare un`economia che l`anno scorso è cresciuta meno dell`1%, pur mantenendo bassa l`inflazione.

Ma i segnali che si registrano non sono buoni. Il colosso energetico statale Petrobras ha visto le sue azioni scendere al 2,3 per cento nel pomeriggio di ieri, spinto al ribasso dai timori di perdite per far fronte alla crisi.

La crisi energetica brasiliana, però, appare strutturale. Mentre la rete elettrica è rimasta praticamente identica a quella di 10 anni fa, l`economia brasiliana è cresciuta drammaticamente. Il ministro dell`Energia Edison Lobao ha ripetuto che non c`è alcun rischio, ma in molti non sono d`accordo. “E `irresponsabile dire che nessun razionamento sarà necessario. Ciò non dipende dal governo, dipende dalla natura", ha detto Ildo Sauer, un ex presidente della compagnia petrolifera Petrobras e oggi professore presso l`Università di San Paolo. "Tutti i brasiliani - anche gli atei - stanno pregando per ulteriori piogge".

Il vice ministro dell`Energia Marcio Zimmermann ha affermato che l`uso della più costosa energia termoelettrica è solo temporaneo e il taglio delle tariffe elettriche per i consumatori residenziali e commerciali è "garantito".

Ma i costi energetici più elevati e la prospettiva
del razionamento restano uno spettro per l`economia brasiliana, che potrebbe mettere a rischio una ripresa economica che la Rousseff sperava determinante per la crescita della sesta economia del mondo, dopo due anni di stagnazione. "Il problema non riguarda solo l`inflazione, ma anche la produzione industriale", ha però sottolineato Jose Francisco de Lima Goncalves, capo economista presso la banca di investimento del Banco Fator.

 

Fonte:

Rassegna.it