Home Quem somos Legislação Estatuto Mensagem do Presidente Contato

São Paulo, 18 Dezembro 2018 - 21:34 PATRONATO ENAS BRASIL    Roma, 19 Dicembre 2018 - 00:34
Aposentadoria/Pensioni
- INPS
- INSS
- Acordo Internacional
Cidadania Italiana
- Orientação
- Traduções
- Trentini/Sammarinesi
Destaques
Notícias
Links Úteis
Informações
- Brasil
- Itália
ADDIO A ROSSELLA FALK, LA `GRETA GARBO ITALIANA`
 
 
 
 

(AGI) - Roma, 6 mag. - Si e` spenta a Roma all`eta` di 86 anni Rossella Falk. La `Greta garbo italiana` era nata a Roma il 10 novembre 1926 e dopo il diploma all`Accademia d`Arte aveva iniziato a lavorare in teatro alla fine degli anni Quaranta.
  Personalita` poliedrica, recito` con i maggiori registi italiani da Fellini a Visconti, alternando le performance teatrali alle raffinate incursioni nel cinema. Al mondo del teatro manchera` il suo temperamento vitale e brioso e anche la sua umilta` nonostante fosse considerata, di quel mondo, la "regina". Il grande critico Tullio Kesich amava ad esempio raccontare che, in una delle repliche di "D`Amore si muore" nel 1958, il suggeritore si senti` male e lei si infilo` nella buca del proscenio e comincio` a suggerire tra gli sguardi stupefatti degli altri attori. Lei, Rossella Falk, era del 1926 ma in `pensione` non c`era andata mai: proprio recentemente, aveva raccontato la sua vita in un`autobiografia, ed era sempre piena di idee e prolifica di iniziative. Attrice apprezzatissima, ebbe una lunga carriera, tale da meritarsi perfino il soprannome della "Greta Garbo italiana". Sul palcoscenico mosse i primi massi alla fine degli anni Quaranta, dopo il diploma all`Accademia dell`arte drammatica. E` stata diretta dai piu` grandi registi del teatro italiano, da Luchino Visconti a Giuseppe Patroni Grilli, da Giancarlo Cobelli a Franco Zeffirelli, ed era intima amica di personalita` del calibro di Maria Callas e Dirk Bogarde, a Jean Cocteau.
  Nonostante qualche apparizione nel cinema (8 e 1/2 di Fellini, ad esempio) e in qualche fiction televisiva, la Falk ha sempre preferito il palcoscenico: agli inizi della sua carriera, interpreto` i testi piu` importanti e difficili del teatro contemporaneo, di autori come Tennessee Williams, o Ibsen ma con una spiccata passione per Pirandello. E` stata anche direttore artistico del Teatro Eliseo (dal 1981 al 1997). Dal 2004 al 2006 l`attrice porto` in tournee` in tutto il mondo un recital di successo "Vissi d`arte, vissi d`amore" in cui ricordava la Callas. Nonostante l`eta` avanzata, non le pesava affatto dover avere la valigia sempre pronta. D`altronde, oltre alla recitazione, la sua altra grande passione era viaggiare.
  "Ho tanti amici dovunque - amava ripetere - ma mi sento bene quando sono in giro". Non a caso, parlava correntemente quattro lingue.

 

Fonte:
AGI