Home Quem somos Legislação Estatuto Mensagem do Presidente Contato

São Paulo, 15 Dezembro 2018 - 00:31 PATRONATO ENAS BRASIL    Roma, 15 Dicembre 2018 - 03:31
Aposentadoria/Pensioni
- INPS
- INSS
- Acordo Internacional
Cidadania Italiana
- Orientação
- Traduções
- Trentini/Sammarinesi
Destaques
Notícias
Links Úteis
Informações
- Brasil
- Itália
ADDIO A VINCENZO CERAMI PADRE DE "LA VITA È BELLA"
 
 
 
 

ROMA - E` morto all`età di 73 anni Vincenzo Cerami, scrittore, giornalista, sceneggiatore e drammaturgo italiano. Nel 1999 fu candidato all`Oscar per la sceneggiatura de "La vita è bella" di Roberto Benigni. Era malato da un anno e mezzo.

I funerali di Cerami si svolgeranno venerdì alle 10,30 nella Chiesa degli Artisti a Piazza del Popolo a Roma.

IL PROFILO - VIDEO

Vincenzo Cerami nacque a Roma il 2 novembre 1940 da genitori siciliani. Cresciuto a Ciampino, ha scoperto la letteratura, la poesia e il cinema con Pier Paolo Pasolini, suo insegnante alle scuole medie, di cui è stato assistente alla regia in Uccellacci e uccellini. È stato proprio Pasolini a interessarsi alla pubblicazione del suo primo libro Un borghese piccolo piccolo, uscito però nel 1976, dopo la sua morte, con la prefazione di Italo Calvino, e diventato un celebre film di Mario Monicelli con Alberto Sordi. Prima di darsi completamente all`arte, Cerami si era iscritto alla facoltà di fisica. E` stato assunto come praticante a "Il Messaggero", dove è diventato professionista. Nel nostro giornale è stato poi tra i maggiori collaboratori. Nella sua vita ha avuto la fortuna di incontrare, e in alcuni casi diventare amico, i grandi del cinema e della letteratura da Alberto Moravia a Federico Fellini, Massimo Troisi, Totò, Alberto Sordi ai quali Cerami diceva di aver «rubato» tutto quello che ha imparato. Grande l`amicizia con Roberto Benigni che ha definito «la creatura più bella che abbia mai incontrato» con cui ha scritto tra l`altro - oltre a La vita è bella che ha visto candidato all`Oscar - Il piccolo diavolo, Il mostro e Pinocchio.

 

Fonte:
Il Messaggero