Home Quem somos Legislação Estatuto Mensagem do Presidente Contato

São Paulo, 14 Dezembro 2018 - 17:35 PATRONATO ENAS BRASIL    Roma, 14 Dicembre 2018 - 20:35
Aposentadoria/Pensioni
- INPS
- INSS
- Acordo Internacional
Cidadania Italiana
- Orientação
- Traduções
- Trentini/Sammarinesi
Destaques
Notícias
Links Úteis
Informações
- Brasil
- Itália
IL BRASILE CEDE GLI AEROPORTI AI PRIVATI E INCASSA 9 MILIARDI DI DOLLARI
 
 
 
 

Il Governo brasiliano ha ceduto la gestione di due grandi aeroporti a società private in vista del doppio appuntamento dei Mondiali di calcio 2014 e delle Olimpiadi 2016. I contratti, per un valore complessivo di 20,8 miliardi di reais (9 miliardi di dollari) sono stati assegnati per l`aeroporto Galeao di Rio de Janeiro e per il Confins di Belo Horizonte.

Lo scalo di Rio, intitolato al re della bossa nova Antonio Carlos Jobim, è stato ceduto a un consorzio formato dal gruppo brasiliano Odebrecht e da Changi, la società che ha in gestione l`aeroporto di Singapore, per 19 miliardi di reais (8,3 miliardi di dollari) , un`offerta di quasi 4 volte superiore alla richiesta minima. I due gruppi hanno in programma la costruzione di 26 nuovi gate e l`espansione dell`area cargo. La seconda gara, per lo scalo di Belo Horizonte, è stata vinta dal gruppo brasiliano Ccr insieme agli operatori degli aeroporti di Zurigo e Monaco di Baviera per 1,8 miliardi di reais (800 milioni di dollari).

Le aste per gli aeroporti stanno suscitando un forte interesse degli investitori internazionali sia per l`imminente doppio appuntamento sportivo sia per la crescita strutturale del trasporto aereo brasiliano, un mercato che è raddoppiato in meno di dieci anni. La maggior parte degli scali brasiliani ha già da tempo un deficit di capienza e ha urgente bisogno di piani di espansione. Nel febbraio 2012 una gara per gli aeroporti di San Paolo e Brasilia ha raccolto 24,5 miliardi di reais.

Non altrettanta fortuna hanno avuto altri progetti di privatizzazione, come quelli per autostrade, linee ferroviarie e porti. Il governo ha dovuto ridimensionare i piani iniziali dopo una serie di gare concluse senza successo.

Il buon esito dei due tender ha spinto al rialzo il real (+0,6% a 2,29 sul dollaro) e la Borsa di San Paolo, in crescita dello 0,6 per cento.

 

Fonte:
Il Sole 24 Ore