Home Quem somos Legislação Estatuto Mensagem do Presidente Contato

São Paulo, 18 Dezembro 2018 - 21:33 PATRONATO ENAS BRASIL    Roma, 19 Dicembre 2018 - 00:33
Aposentadoria/Pensioni
- INPS
- INSS
- Acordo Internacional
Cidadania Italiana
- Orientação
- Traduções
- Trentini/Sammarinesi
Destaques
Notícias
Links Úteis
Informações
- Brasil
- Itália
BRASILE 2014, SONDAGGIO: LA MAGGIORANZA NON VUOLE IL MONDIALE
 
 
 
 
Il Mondiale di calcio non piace alla maggioranza dei brasiliani. A rivelarlo un sondaggio choc pubblicato dall`agenzia Datafolha secondo cui il 55% degli abitanti della patria del calcio sono convinti che i prossimi campionati del mondo organizzati dalla Fifa porteranno più disagi che vantaggi. Una posizione che solo pochi anni fa, nel 2007, nel pieno delle celebrazioni per l`assegnazione del Mondiale avrebbe fatto urlare allo scandalo. Brasile 2014, sondaggio: la maggioranza non vuole il Mondiale

Incredibile ma vero, per la prima volta nella storia del Brasile democratico la maggioranza della popolazione volta le spalle al calcio e alla Selecao, due monumenti nazionali. Colpa della crisi che, dopo un decennio di vita agiata, impone ai brasiliani di tirare nuovamente la cinghia. Ma colpa anche dei tanti scandali di corruzione e delle morti di operai nei cantieri del Mondiale con la popolazione non più disposta a sprecare denaro pubblico e vite umane per il dio pallone. Tra i pochi che ancora difendono il Mondiale ci sono Pelè, che ha affermato candidamente che la morte di un operaio nel cantiere dello stadio di San Paolo dove verrà ospitata la partita inaugurale del 12 giugno è "una cosa normale" e la presidentessa del Brasile, Dilma Rousseff, che si è recata apposta a Zurigo nella sede della Fifa per sancire la pace con Blatter davanti ai fotografi dopo le feroci critiche ricevute per i ritardi nella consegna degli stadi. Ma ormai la popolazione è schierata con il 55% degli intervistati sicuri che i Mondiali causeranno, in generale, più problemi alla popolazione, mentre solo per il 36% i vantaggi saranno superiori. Dati che continuano a crescere visto che, nel giugno scorso, gli scettici e gli entusiasti erano praticamente in equilibrio: 44% i primi, 48% i secondi.

 

Fonte:
Tg Com 24