Home Quem somos Legislação Estatuto Mensagem do Presidente Contato

São Paulo, 18 Dezembro 2018 - 21:31 PATRONATO ENAS BRASIL    Roma, 19 Dicembre 2018 - 00:31
Aposentadoria/Pensioni
- INPS
- INSS
- Acordo Internacional
Cidadania Italiana
- Orientação
- Traduções
- Trentini/Sammarinesi
Destaques
Notícias
Links Úteis
Informações
- Brasil
- Itália
BRASILE: L`OPERA DEI CAPPUCCINI DI MILANO TRA I POVERI DEL NORD-EST
 
 
 
 

La Provincia dei Cappuccini di Milano conta attualmente 98 missionari presenti in Brasile, Costa d’Avorio, Camerun, Thailandia e Turchia: 44 sono italiani, 54 originari dei Paesi in cui essi lavorano. Oltre ai conventi, nelle missioni non mancano Centri di formazione alla vita religiosa, scuole, strutture sociali, ospedali, lebbrosari, Centri di accoglienza, cooperative di lavoro.

Uno dei loro impegni più gravosi è quello svolto nel Brasile del Nord, dove si trovano gli Stati più poveri e dove missionari sono diventati un punto di riferimento per migliaia di lebbrosi, particolarmente numerosi nel Maranhão, dove la malattia è tuttora una triste realtà che, purtroppo, tende a crescere con gli anni. Oggi pare ce ne siano oltre 25.000.

Negli Stati del Pará e dell’Amapá, che fanno parte del grande poligono della secca, c’è da far fronte alla fame, frutto della mancanza d’acqua; i missionari vi provvedono con migliaia di pasti giornalieri, grazie alle donazioni che vengono dall’estero e all’aiuto di volontari laici impegnati nelle Comunità di base.

Altro settore della loro attività, infine, è il così detto “Progetto delle Riserve indigene”, che consiste nella visita periodica ai villaggi (aldeias) dispersi nei vasti spazi destinati alle riserve indigene, per conoscere la realtà di popoli lontani dal progresso nazionale e stabilire con loro rapporti di fiducia e di amicizia, senza il quale ogni tentativo di avvicinamento sarebbe destinato a fallire. Si tratta di una vera e propria opera di integrazione culturale, cui i missionari tengono molto, convinti che solo la cultura può garantire uno sviluppo degno dell’uomo. (A cura di padre Egidio Picucci)

 

FONTE:

RADIO VATICANA