Resta elevato il clima di tensione tra i lavoratori titolari di partita Iva che si vedono assoggettatati al versamento contributivo nella gestione separa Inps. Il nodo del contendere non riguarda solo le regole penalizzanti di pensionamento, rispetto a quanto non avviene per altre tipologie di lavoratori, ma la costante e progressiva crescita della percentuale di contribuzione. L`aliquota è infatti salita nel corso degli ultimi anni, arrivando a superare il livello del 30% sul fatturato per l`anno 2015, mentre in futuro potrebbe addirittura toccare la soglia del 33%. Una richiesta che risulterebbe eccessiva per molti lavoratori, soprattutto se la si pone a confronto con l`aumento dell`aliquota sostitutiva dell`Irpef (triplicata dal 5% al 15%) per chi sarà costretto a confluire nel nuovo regime forfettario. Tutto questo, mentre lavoratori intellettuali come professionisti non iscritti ad un albo, consulenti e free lance si vedono dimezzare contemporaneamente il limite di fatturato annuo, portato ora a 15.000 €.

Lavoratori chiedono di rivedere il sistema di aliquote. Damiano propone taglio con emendamento al Milleproroghe

Basta fermarsi a riflettere per qualche istante sulla situazione appena descritta, per comprendere la fuga di molti lavoratori dalla gestione separata Inps e dai relativi meccanismi di pensionamento. Sono in tanti a dichiarare che a queste condizioni si rischia la chiusura della partita Iva, anche perché il mantenimento in essere non sembra poter consentire per molti delle entrate utili a mantenere uno stile di vita dignitoso e superiore a quella che viene definita dall`Istat come la soglia statistica di povertà. Per cercare di porre rimedio, sulla questione è intervenuto recentemente il Presidente della Commissione Lavoro alla Camera Cesare Damiano, che vorrebbe agire nel più breve tempo possibile tramite un emendamento al decreto milleproroghe: "il PD ha presentato un emendamento [...] per congelare l`aumento dei contributi previdenziali per le Partite Iva al 27%. Analoghe iniziative sono state prese da altri partiti [...] sono dunque possibili iniziative unitarie nei confronti del Governo". Le possibilità per arrivare ad una soluzione di compromesso sembrano comunque elevate, anche perché è stato lo stesso esecutivo al termine dello scorso anno a riferire l`intenzione di porre rimedio alle difficili condizioni sperimentate dai lavoratori con partita Iva, con particolare riferimento ai contribuenti più giovani.

Come sempre, vi invitiamo a condividere le vostre idee e riflessioni tramite l`inserimento di un commento sul sito, mentre per tutti coloro che desiderano restare aggiornati sui prossimi articoli riguardanti le pensioni consigliamo di cliccare sul comodo pulsante "segui" che vedete in alto, sopra al titolo dell`articolo.

 

Fonte:
Blasting News