Home Quem somos Legislação Estatuto Mensagem do Presidente Contato

São Paulo, 14 Dezembro 2018 - 12:57 PATRONATO ENAS BRASIL    Roma, 14 Dicembre 2018 - 15:57
Aposentadoria/Pensioni
- INPS
- INSS
- Acordo Internacional
Cidadania Italiana
- Orientação
- Traduções
- Trentini/Sammarinesi
Destaques
Notícias
Links Úteis
Informações
- Brasil
- Itália
GIORNO DEL RICORDO 1 FEBBRAIO P.V. SARÀ CELEBRATA UNA SANTA MESSA A RICORDO DEI MARTIRI MASSACRATI NELLE FOIBE
 
 
 
 

 

 Vi comunichiamo che il 1 febbraio p.v. sarà celebrata una Santa Messa a ricordo dei martiri massacrati nelle Foibe e degli esuli Istriani, Giuliani, Goriziani, Fiumani e Dalmati che furono costretti a lasciare le loro terre.

 

Chiesa degli Immigrati Madonna della Pace  ore 11,00

 

 Il Giorno del ricordo è una solennità civile nazionale italiana, celebrata il 10 febbraio di ogni anno. Istituita con la legge 30 marzo 2004 n. 92 essa commemora le vittime dei massacri delle foibe e dell`esodo giuliano-dalmata.

Secondo la legge che l`ha istituito, al Giorno del ricordo è associato il rilascio di una targa commemorativa, destinata ai parenti degli "infoibati" e delle altre vittime delle persecuzioni, dei massacri e delle deportazioni occorse in Istria, in Dalmazia o nelle province dell`attuale confine orientale durante l`ultima fase della seconda guerra mondiale e negli anni immediatamente successivi.

 

La proposta di legge del 6 febbraio 2003 recava le firme di un nutrito gruppo di deputati di vari gruppi parlamentari  il cui primo firmatario fu Roberto Menia. La legge che istituì il "Giorno del ricordo" fu quindi approvata a larghissima maggioranza dal Parlamento italiano nel marzo 2004: l`11 marzo alla Camera dei Deputati su 521 presenti in aula si registrarono 502 favorevoli, 15 contrari e 4 astenuti; il 16 marzo al Senato della Repubblica non vi fu nessuna dichiarazione di voto contrario a nome del proprio gruppo o personale.

 

Contenuto della legge

« La Repubblica riconosce il 10 febbraio quale "Giorno del ricordo" al fine di conservare e rinnovare la memoria della tragedia degli italiani e di tutte le vittime delle foibe, dell`esodo dalle loro terre degli istriani, fiumani e dalmati nel secondo dopoguerra e della più complessa vicenda del confine orientale. Nella giornata [...] sono previste iniziative per diffondere la conoscenza dei tragici eventi presso i giovani delle scuole di ogni ordine e grado. È altresì favorita, da parte di istituzioni ed enti, la realizzazione di studi, convegni, incontri e dibattiti in modo da conservare la memoria di quelle vicende. Tali iniziative sono, inoltre, volte a valorizzare il patrimonio culturale, storico, letterario e artistico degli italiani dell`Istria, di Fiume e delle coste dalmate, in particolare ponendo in rilievo il contributo degli stessi, negli anni trascorsi e negli anni presenti, allo sviluppo sociale e culturale del territorio della costa nord-orientale adriatica ed altresì a preservare le tradizioni delle comunità istriano-dalmate residenti nel territorio nazionale e all`estero. »
(legge 30 marzo 2004 n. 92)