Home Quem somos Legislação Estatuto Mensagem do Presidente Contato

São Paulo, 17 Dezembro 2018 - 15:10 PATRONATO ENAS BRASIL    Roma, 17 Dicembre 2018 - 18:10
Aposentadoria/Pensioni
- INPS
- INSS
- Acordo Internacional
Cidadania Italiana
- Orientação
- Traduções
- Trentini/Sammarinesi
Destaques
Notícias
Links Úteis
Informações
- Brasil
- Itália
ITALIA: INFLAZIONE AI MINIMI, FATTORE POSITIVO PER LE FAMIGLIE
 
 
 
 

Secondo gli addetti ai lavori, un’inflazione moderatamente negativa per un periodo di tempo limitato non solo non avrà impatti significativi ma potrebbe addirittura tradursi in un fattore favorevole ai consumi: non vi è infatti alcuna evidenza che i consumatori stiano rimandando gli acquisti a causa di attese deflazionistiche, e anzi la bassa inflazione al momento appare un elemento positivo in quanto sostiene il potere d’acquisto delle famiglie.

In ogni caso, nel mese di gennaio 2015, secondo le stime preliminari elaborate dall’Istat, l`indice nazionale dei prezzi al consumo per l`intera collettività (NIC), al lordo dei tabacchi, diminuisce dello 0,4% rispetto al mese precedente e dello 0,6% nei confronti di gennaio 2014 (a dicembre la variazione tendenziale era nulla).
La flessione su base annua dell`indice generale è dovuta in larga misura all`accentuarsi della caduta tendenziale dei prezzi dei beni energetici, in particolare di quelli non regolamentati (-14,1%, da -8,0% di dicembre), e al rallentamento della crescita annua dei prezzi dei servizi, con particolare riferimento a quelli dei servizi relativi ai trasporti (+0,2%, da +2,0% del mese precedente).

Al netto degli alimentari non lavorati e dei beni energetici, l`inflazione di fondo (la cosiddetta inflazione core) permane positiva ma in ulteriore rallentamento (+0,3%, da +0,6% di dicembre); al netto dei soli beni energetici scende a +0,3% (era +0,5% il mese precedente). Il calo mensile dell`indice generale è da ascrivere in primo luogo alla diminuzione dei prezzi degli energetici non regolamentati (-6,3%), con i forti ribassi dei carburanti , dell`energia elettrica (-2,2%) e dei servizi relativi ai trasporti (-2,4%), questi ultimi condizionati da fattori stagionali; a contenere in parte il calo è l`aumento dei prezzi dei vegetali freschi (+7,1%), anch`essi influenzati da fattori stagionali.

L`inflazione acquisita per il 2015 è pari a -0,6%. Rispetto a gennaio 2014, i prezzi dei beni diminuiscono dell`1,5% (era -0,8% a dicembre) e il tasso di crescita dei prezzi dei servizi si dimezza (+0,5%, da +1,0% del mese precedente). Di conseguenza, rispetto a dicembre 2014 il differenziale inflazionistico tra servizi e beni si amplia di due decimi di punto percentuale. I prezzi dei beni alimentari, per la cura della casa e della persona aumentano dello 0,6% su dicembre e dello 0,1% su base annua (da -0,2% di dicembre). Secondo le stime preliminari, l`indice armonizzato dei prezzi al consumo (IPCA) diminuisce del 2,4% su base mensile e segna un calo pari a -0,4% su base annua (da -0,1% di dicembre).

Secondo gli esperti in prospettiva, l’inflazione dovrebbe rimanere in territorio negativo almeno per tutta la prima metà dell’anno. Solo successivamente, se sarà confermato il recente rimbalzo delle quotazioni internazionali dell’energia, i prezzi al consumo potrebbero attestarsi poco al di sopra dello zero.

 

Fonte:
Financia Lounge