Home Quem somos Legislação Estatuto Mensagem do Presidente Contato

São Paulo, 14 Dezembro 2018 - 08:20 PATRONATO ENAS BRASIL    Roma, 14 Dicembre 2018 - 11:20
Aposentadoria/Pensioni
- INPS
- INSS
- Acordo Internacional
Cidadania Italiana
- Orientação
- Traduções
- Trentini/Sammarinesi
Destaques
Notícias
Links Úteis
Informações
- Brasil
- Itália
bra
LEGGE STABILITA`:
 
 
 
 

 

 

Lettera dei patronati al Presidente Napolitano

I patronati hanno inviato al Presidente della Repubblica una lettera atta a scongiurare i tagli al sistema previsti dalla legge di stabilità, tra i quali una decurtazione di 150 milioni di euro al fondo per l’esercizio finanziario dello Stato. Nel caso in cui i tagli andassero in porto, spiegano i patronati, sarebbero a rischio la tutela gratuita per i cittadini nonché 9.000 posti di lavoro.

I patronati hanno inoltre redatto una nota esplicativa sulla funzione svolta dai patronati in Italia, sulla natura dei tagli previsti dalla legge di Stabilità, e sulle conseguenti ricadute sul loro operato, di seguito riportata:

"I patronati sono soggetti privati di pubblica utilità che, per legge, devono fornire assistenza gratuita ai cittadini per 92 famiglie di servizi, sotto il controllo del Ministero del Lavoro. Le attività svolte dai patronati hanno come obiettivo aiutare i cittadini a orientarsi tra le tante normative e iter burocratici, facilitando il loro rapporto con la Pubblica amministrazione, agevolandoli nella compilazione e presentazione delle domande agli Enti previdenziali e assicurativi, e accompagnandoli fino al riconoscimento dei diritti, anche con l’assistenza legale e medico-legale necessaria. Le aree di competenza di queste strutture sono: previdenza e salute sul lavoro, prestazioni socio-assistenziali, tutela dei cittadini immigrati e degli italiani all’estero.

La legge di stabilità prevede un taglio al fondo patronati così articolato: abbattimento dell’aliquota dallo 0,226% allo 0,148% a partire dal gettito contributivo dell’anno 2014; decurtazione del fondo per l’esercizio finanziario dello Stato dell’anno 2015 di 150 milioni; diminuzione dell’acconto dall`80% al 45% dall’esercizio finanziario dello Stato dell’anno 2016. Dal 2016, con il venir meno dei 150 milioni di euro il valore del fondo subirà una riduzione pari al -34,51%.

L’insieme delle norme proposte comporta la sostanziale eliminazione del sistema patronato, che non potrà più garantire né la gratuità nell’accesso alle prestazioni che rendono esigibili i diritti sociali né il supporto agli enti previdenziali che oggi consente il funzionamento degli stessi, non in grado di gestire le istanze dei cittadini. Ogni 30 milioni di taglio al fondo, 1.000 operatori di patronato rischiano il licenziamento. Considerato che il taglio previsto per il 2015 ammonta a più di 298 milioni di euro, nel 2015 sono a rischio 9.000 posti di lavoro. Il sistema è a rischio chiusura anche perché le norme che restringono l’anticipazione delle risorse per l’attività svolta strangoleranno finanziariamente gli istituti di patronato, portando di fatto ad un’impossibilità operativa a partire dal prossimo anno. Con un taglio di questo tipo i patronati verrebbero privati di liquidità sufficiente, bloccata dal ritardo di minimo 3 anni nei saldi del finanziamento.  

I cittadini pagano le tasse per un servizio che dovrebbe essere erogato dall’Inps. A causa dei tagli, l’ente previdenziale ha progressivamente chiuso gli sportelli al pubblico e ha demandato tutte le procedure al sistema informatico. La tensione sociale che sarebbe scaturita dalla mancanza di interlocuzione diretta tra cittadini ed Inps è stata contenuta grazie all’intervento dei patronati, che hanno svolto un importante ruolo suppletivo rispetto all’ente. Il fondo per il 2013 ammonta a 430 milioni, mentre il sistema dei patronati garantisce complessivamente al bilancio dello Stato un risparmio annuo di oltre 657 milioni di euro, cioè di 564 milioni di euro per l’Inps, 63 milioni di euro per l’Inail e 30,7 milioni di euro per il Ministero degli Interni".

F.P.

Fonte:
Il Diario del Lavoro