Home Quem somos Legislação Estatuto Mensagem do Presidente Contato

São Paulo, 14 Dezembro 2018 - 08:20 PATRONATO ENAS BRASIL    Roma, 14 Dicembre 2018 - 11:20
Aposentadoria/Pensioni
- INPS
- INSS
- Acordo Internacional
Cidadania Italiana
- Orientação
- Traduções
- Trentini/Sammarinesi
Destaques
Notícias
Links Úteis
Informações
- Brasil
- Itália
bra
PROGETTO DI COOPERAZIONE “ADOTTA UN QUARTIERE”
 
 
 
 

Progetto di Cooperazione “Adotta un quartiere” C.I.S.CO.S.-UGL – ISTITUTO GRAÇA – DIOCESI DI TAUBATÈ – ENAS – IILA


Il CISCOS,  Centro Internazionale Sindacale per la Cooperazione e lo Sviluppo del Sindacato Ugl, ha inviato una delegazione a Taubaté (Stato di San Paolo) per il lancio del Progetto “Adotta un quartiere”.  Il CISCOS promuove la solidarietà e lo sviluppo sociale nei Paesi del Terzo Mondo, e dovunque vi sia emarginazione.

Mercoledì 11 luglio la delegazione composta da Patrizia Conte del Ninno, Presidente del CISCOS, la Dr.ssa Ivette Cagliari Responsabile del Dipartimento Pari Opportunità Ugl, il Dr. Giuseppe del Ninno  Responsabile Legale/Amministrativo dell'operazione e Mario Antonio Turnaturi Presidente del Patronato Enas Brasil ha incontrato il Vescovo Mons. Carmo João Rhoden e l’Assessore Comunale Maria das Graças de Oliveira, referente locale del progetto alla presenza del rappresentante del Consolato Alessandro Dell’Aira, della Fiesp e del Senai. Nel corso dell’incontro è stato stipulato il contratto di compravendita di un terreno su cui costruire un Centro di accoglienza.

 Nelle foto, alcuni momenti della cerimonia, cui è seguita la visita al quartiere di São Gonçalo.

· Fra le aree critiche dell’hinterland di São Paulo della città c’è anche la città di Taubaté, ed in particolare il quartiere di San Gonzalo, lontano dal centro della città di Taubaté circa 10 chilometri. La grande maggioranza degli abitanti di quest’area vivono in condizioni di estrema povertà, aggravata dall’altissimo tasso di disoccupazione. Nel complesso, l’area è deficitaria di molti dei servizi essenziali di inclusione sociale, con ciò causando il perpetuarsi delle suddette condizioni di povertà e disagio sociale.

· Nel complesso sono stati riscontrati i seguenti presupposti critici:

· Bassa qualità di vita della popolazione

· Assenza di strutture sociali pubbliche o private

· Assenza di strumenti e interventi volti a favorire la coesione sociale della popolazione

· Alto tasso di disoccupazione

· Degrado ambientale (abitazioni, infrastrutture ecc.)

· Ideazione ed implementazione del progetto di cooperazione internazionale “Adotta un quartiere”. Un contributo per la rinascita civile e sociale di un’area bisognosa di aiuto.

Annoverare un’adeguata considerazione delle problematiche delle popolazioni delle periferie urbane, è un elemento decisivo nella prospettiva di uno sviluppo sostenibile, poiché tali tematiche incidono considerevolmente sulle questioni sociali, economiche e politiche.

Il C.I.S.CO.S. – UGL, associazione per la cooperazione internazionale, sebbene di recente costituzione, ha al suo attivo la realizzazione di molteplici azioni concrete di supporto alle popolazioni che si trovano a vivere in stati di disagio e di grave emergenza umanitaria.

Vincere il flagello dell’esclusione sociale e della povertà attraverso attività concrete di carattere sociale e culturale è il miglior antidoto verso ogni forma di sopraffazione e di ingiustizia sociale.

·         Il Centro Internazionale Sindacale per la Cooperazione allo Sviluppo (C.I.S.CO.S. – UGL) intende adoperarsi al fine di realizzare attività volte a contribuire alla ricostruzione del tessuto sociale, lavorativo e comunitario nei PVS.

Il C.I.S.CO.S. – UGL possiede al suo interno una grande rappresentanza della società civile, ossia quegli uomini e quelle donne che da oltre cinquant’anni fanno riferimento al nostro sindacato, facendo dell’Unione Generale del Lavoro una Confederazione che rappresenta numericamente la quarta Organizzazione Sindacale sul territorio nazionale.

·         A fronte dell’invito, pervenuto in qualità di collaboratore volontario  del C.I.S.CO.S. – UGL operante sul territorio dall’Istituto Graça  - Rendere felice un bambino, a contribuire alle attività da esso implementate nell’area di São Paulo, il C.I.S.CO.S. – UGL ha ritenuto che il settore in cui maggiormente poteva offrire un valido contributo fosse proprio quello del sostegno alla popolazione, con specifico riferimento alla città di Taubaté, ed in particolare il quartiere di San Gonzalo.

·         Ciò  per diverse ragioni, fra le quali la stretta collaborazione con l’ENAS-UGL (struttura anch’essa di emanazione della Confederazione sindacale UGL, operante sul territorio in rappresentanza e per conto dello stesso C.I.S.CO.S. – UGL) ente di patronato che conta molte sedi estere, fra cui una, particolarmente attiva, proprio situata nella città di São Paulo, dove offre il proprio supporto  di assistenza sociale alla vasta comunità italiana ivi residente, ed anche il rapporto di ottima collaborazione instaurato nel corso dell’implementazione di questo progetto, con l’Ambasciata del Brasile in Italia, nonché con l’Ambasciata d’Italia in Brasile.

·         Attraverso, quindi, la mediazione logistica ed organizzativa dell’ENAS-UGL di São Paulo, il C.I.S.CO.S. –  UGL ha potuto intraprendere attivamente la propria collaborazione con l’Istituto Graça.
Per quanto riguarda l’Istituto Graça - Rendere felice un bambino, tale associazione benefica nasce  nel 1989, quando la famiglia della Sig.ra Maria das Graças Gonçalves de Oliveira decise di donare dei giocattoli ai bambini bisognosi di una zona povera di São Paulo, in occasione delle feste natalizie. Tali persone, profondamente colpite dal degrado in cui erano costrette a vivere tali popolazioni povere, decisero di far sì che il gesto di solidarietà da essi compiuto non rimanesse un fatto isolato, ma divenisse l’inizio di una costante attività di aiuto, trasformandosi in un’azione organizzata e valendosi del contributo anche di altre persone interessate. Così nacque l’associazione Onlus “Istituto Graça - Rendere felice un bambino” , che da anni realizza attività per le popolazioni povere del quartiere San Gonzalo della città di Taubaté, São Paulo.

Il parternariato è completato dall’attiva presenza della Paròquia do Menino Jesus, Diocesi Di Taubatè São Paulo, nelle persone di Mons. Rhoden Carmo Joao, Don Carlos Enrique Santos Silva, Don Vitor Hugo Porto che  grazie alla profonda esperienza e conoscenza del territorio, della popolazione e della lingua locale e grazie all’alto valore istituzionale, è garanzia di collegamento con la realtà locale e supporto logistico.

L’IILA, Istituto Italo Latino Americano, infine, nella persona del Segretario Generale, sua Eccellenza l’Ambasciatore Paolo Faiola, ha offerto la propria vasta esperienza nell’ambito della realtà latino-americana come supporto al progetto, nonché la possibilità di utilizzare la prestigiosa sede dell’istituto, a Roma,  in Piazza Cairoli, come locazione per attività di pubblicizzazione e sensibilizzazione sul progetto, come il concerto di beneficenza del 10 marzo 2006, per la raccolta di fondi per il progetto.

-          Il progetto “Adotta un quartiere”. Un contributo per la rinascita civile e sociale di un’area bisognosa di aiuto.

Il progetto “adotta un quartiere” nasce con l’obiettivo di realizzare attività per offrire alla popolazione del quartiere la possibilità di elevarsi professionalmente e socialmente, imparando un mestiere attraverso corsi di avviamento professionale (agricoltura, artigianato, commercio) nonché di realizzare attività per il sostegno alla coesione sociale, come una scuola calcio per bambini.

·         Questa iniziale attività è stata realizzata con il lavoro di 20 operatori, a beneficio di 450 studenti a semestre, e con l’appoggio del comune di Taubaté, che ha consentito di utilizzare le aule di una scuola della zona e con l’appoggio di un Istituto locale che ha permesso di usufruire dell’attrezzatura necessaria per i corsi di formazione professionale. Dopo questa prima fase si è deciso di ampliare il progetto che è strutturato in modo tale da offrire esperienze ripetibili e risultati duraturi.

Per quanto riguarda l’Istituto Graça - Rendere felice un bambino, tale associazione benefica nasce  nel 1989, quando la famiglia della Sig.ra Maria das Graças Gonçalves de Oliveira decise di donare dei giocattoli ai bambini bisognosi di una zona povera di São Paulo, in occasione delle feste natalizie. Tali persone, profondamente colpite dal degrado in cui erano costrette a vivere tali popolazioni povere, decisero di far sì che il gesto di solidarietà da essi compiuto non rimanesse un fatto isolato, ma divenisse l’inizio di una costante attività di aiuto, trasformandosi in un’azione organizzata e valendosi del contributo anche di altre persone interessate. Così nacque l’associazione Onlus “Istituto Graça - Rendere felice un bambino” , che da anni realizza attività per le popolazioni povere del quartiere San Gonzalo della città di Taubaté, São Paulo. Il parternariato è completato dall’attiva presenza della Paròquia do Menino Jesus, Diocesi Di Taubatè São Paulo, nelle persone di Mons. Rhoden Carmo Joao, Don Carlos Enrique Santos Silva, Don Vitor Hugo Porto che  grazie alla profonda esperienza e conoscenza del territorio, della popolazione e della lingua locale e grazie all’alto valore istituzionale, è garanzia di collegamento con la realtà locale e supporto logistico. L’IILA, Istituto Italo Latino Americano, infine, nella persona del Segretario Generale, sua Eccellenza l’Ambasciatore Paolo Faiola, ha offerto la propria vasta esperienza nell’ambito della realtà latino-americana come supporto al progetto, nonché la possibilità di utilizzare la prestigiosa sede dell’istituto, a Roma,  in Piazza Cairoli, come locazione per attività di pubblicizzazione e sensibilizzazione sul progetto, come il concerto di beneficenza del 10 marzo 2006, per la raccolta di fondi per il progetto.

-          Il progetto “Adotta un quartiere”. Un contributo per la rinascita civile e sociale di un’area bisognosa di aiuto. Il progetto “adotta un quartiere” nasce con l’obiettivo di realizzare attività per offrire alla popolazione del quartiere la possibilità di elevarsi professionalmente e socialmente, imparando un mestiere attraverso corsi di avviamento professionale (agricoltura, artigianato, commercio) nonché di realizzare attività per il sostegno alla coesione sociale, come una scuola calcio per bambini.

·         Questa iniziale attività è stata realizzata con il lavoro di 20 operatori, a beneficio di 450 studenti a semestre, e con l’appoggio del comune di Taubaté, che ha consentito di utilizzare le aule di una scuola della zona e con l’appoggio di un Istituto locale che ha permesso di usufruire dell’attrezzatura necessaria per i corsi di formazione professionale. Dopo questa prima fase si è deciso di ampliare il progetto che è strutturato in modo tale da offrire esperienze ripetibili e risultati duraturi.

·           Primo, fondamentale ed importante passo è l’acquisto grazie a fondi ottenuti dal C.I.S.CO.S. – UGL grazie ad attività di sensibilizzazione sia interna, verso i propri soci, che esterna, grazie a specifiche attività di pubblicizzazione dell’evento realizzate in collaborazione con l’IILA, di un terreno di 1500 metri quadri nel quartiere di San Gonzalo, su cui costruire un edificio di circa 1000 metri quadri, a 2 piani, sede operativa dell’Istituto Graça e complesso multifunzionale per attività formative, culturali e socio/sanitarie contenente:

a)        Piano terra:
·        tre sale per le attività pedagogiche
·        tre bagni infantili
·        un anfiteatro per attività culturali
·        una sala riunioni per istruttori/formatori/docenti
·        un consultorio medico e psicologico
·        uno studio odontoiatrico
·        una sala per la segreteria
·        una sala per il direttore

·        3 bagni femminili

·        3 bagni maschili

·        una cucina

·        un refettorio

·        una reception

b)        antistante l’edificio, sul terreno di proprietà:

un piazzale

un campetto di calcio

c)        Primo piano:
·        otto sale per corsi professionali

·        una sala riunioni

·        due bagni

·         Oltre all’attrezzatura necessaria al fine di rendere operative le suddette stanze del centro, è necessario il seguente equipaggiamento:
a)        un pannello idraulico

b)       un proiettore multimediale

c)        13 personal computer completi

d)       200 tavolini e sedie

-         Attività

Il progetto prevede, con l’ausilio diretto degli operatori locali (Istituto Graça - Rendere felice un bambino e Paròquia do Menino Jesus - Diocesi Di Taubatè São Paulo)  l’implementazione delle seguenti attività:
·        Corsi di avviamento professionale
·        Informatica

·        Elettricista

·        Disegno meccanico

·        Automazione pneumatica

·        Automazione idraulica

·        Tecnologia meccanica

·        Meccanica d’auto

·        Tappezzerie

·        Operatori multifunzionali

·        Altre attività

·        Ragioneria

·        Informatica infantile

·        Artigianato

·        Disegno infantile

·        Attività ludiche di socializzazione

·        Scuola di calcio per bambini (70 bambini di cui 8 under-15)

·        Organizzazione di feste

·        Scuola di pallavolo

·        Servizi sociali

a)      Schedario della popolazione

b)      Servizi medici odontoiatrici, psicologici, ginecologici, medici di base.  

-         Beneficiari  
I beneficiari diretti del progetto ideato da C.I.S.CO.S. – UGL è la comunità intera della località di San Gonzalo, periferia di Taubaté, São Paulo, Brasile.

·         La popolazione locale deve essere parte attiva nell'esecuzione dei progetti di sviluppo sociale e culturale affinché essi stessi continuino, anche dopo il termine del progetto di cooperazione, a realizzare attività per lo sviluppo sostenibile, civile ed economico, della propria comunità.           

-         Risultati attesi

 8          Miglioramento della qualità della vita della popolazione;

9          Maggiore offerta di servizi socio/sanitari;

10      Coesione sociale e partecipazione alla vita della comunità;

11      Potenziamento della formazione con possibili conseguenze in termini lavorativi ed economici.

 3.7 Obiettivo Generale di Sviluppo  

L'obiettivo generale di sviluppo di questo progetto è accrescere l’inclusione sociale e migliorare il tenore di vita della popolazione, particolarmente povera e disagiata, della località di San Gonzalo, periferia di Taubaté, São Paulo, Brasile, riscattando i concetti di cittadinanza e responsabilità sociale e creando una struttura operativa permanente ed attività riproducibili ed eventualmente estensibili anche ad altri quartieri poveri dell’area di São Paulo.  

Obiettivi Specifici

Creazione di un complesso multifunzionale per attività formative, culturali e socio/sanitarie nella località di San Gonzalo, periferia di Taubaté, São Paulo, Brasile, che offra formazione professionale a tutte le persone interessate (donne, uomini, giovani, anziani), che fornisca servizi sanitari di base, che permetta ai bambini di usufruire di un luogo sicuro e confortevole di socializzazione, che al termine dei corsi di formazione professionale crei possibilità di impiego dipendente o come liberi professionisti (muratori, sarti, meccanici, artigiani ecc.), che crei uno schedario anagrafico contenente i nominativi delle persone e delle famiglie del quartiere.