Home Quem somos Legislação Estatuto Mensagem do Presidente Contato

São Paulo, 16 Dezembro 2018 - 20:13 PATRONATO ENAS BRASIL    Roma, 16 Dicembre 2018 - 23:13
Aposentadoria/Pensioni
- INPS
- INSS
- Acordo Internacional
Cidadania Italiana
- Orientação
- Traduções
- Trentini/Sammarinesi
Destaques
Notícias
Links Úteis
Informações
- Brasil
- Itália
bra
PROGRAMMA DI STAGE PER GIOVANI DI ORIGINE ITALIANA
 
 
 
 

Il Ministero del Lavoro ha affidato alla sua agenzia tecnica ITALIALAVORO S.p.A. l’esecuzione del Progetto ITES – Occupazione e sviluppo della Comunitá degli italiani all’Estero – che, dalla fine del 2006, si sta sviluppando contemporaneamente in Argentina, Uruguay e Brasile.

I suoi obiettivi sono quelli di promuovere l’occupazione, la formazione e l’inserimento nel mercato del lavoro dei giovani di origine italiana attraverso la creazione di una rete di servizi integrata in modo sinergico alla realtá locale, contribuendo a rafforzare il sistema del mercato del lavoro locale attraverso l’informazione, l’orientamento, l’assistenza tecnica e la sperimentazione di azioni di politiche attive del lavoro.

 

LA RETE : in Brasile è stata costituita una Rete di Collaborazione, a partire dalle adesione della Camera Italo-Brasilera del Commercio e Industria, del Patronato ITAL –UIL e del Patronato INAS-CISL, che fanno parte della “Cabina di Regia” del progetto. A queste strutture si sono poi aggiunti altri due patronati, l’ENAS UGL e l’ENASCO (Ente Nazionale di assistenza Sociale Confcommercio), il COMITES (Comitato degli italiani all’estero) di SanPaolo, Obiettivo Lavoro Brasile, (la piú grande Società Italiana  specializzata nella gestione delle risorse umane) la FECIBESP (federazione degli enti  culturali Italo-brasiliani dello stato di San Paolo, che coordina ben 150 associazioni), il Movimento Cristiano Lavoratori, le associazioni regionali quali la Federazione delle Associazioni Venete dello Stato di San Paolo e l’Associazionene dei Calabresi, le associazioni giovanili GIOVANI CUORI della regione Toscana e la GIOVEB del Veneto ed, infine, l’Associazione femminile della Campania. Al fine di integrare le azioni della RETE a quelle promosse dal governo locale  hanno dato un appoggio istituzionale la SECRETARIA DO TRABALHO della Municipalità di  SÃO PAULO, il CIEE (Centro Integração Empresa Escola), l’ABRESI (Associação Brasileira de Gastronomia, Hospitalidade e Turismo) e il DIEESE (Departimento Intersindical de Estatistica e Estudos Socioeconõmicos). La FIC (la Federazione Nazionale Cuochi sez. San Paolo) e il CENTRO PAULA SOUZA che raggruppa 134 scuole  nello Stato di San Paolo ed é una struttura pubblica.

 

LE INDAGINI: l’attività di ricerca ha interessato 3 diversi target: le imprese, le associazioni e i giovani.

Ø      La prima ricerca ha interessato circa 300 imprese associate alla Camera di Commercio Italo-Brasiliana a cui é stato chiesto di rispondere ad un questionario bilingue sulle  professionalità piú richieste, necessarie e ricercate dalle imprese; quali sono i servizi che  ritengono utili per migliorare il successo nella ricerca di personale, come soddisfare i fabbisogni formativi e sostenere il proprio sviluppo. All’indagine hanno risposto 119 imprese che operano nell’area di San Paolo.

Ø      La  seconda indagine era finalizzata alla conoscenza in dettaglio delle attività e dei servizi promossi e gestiti dalle associazioni italiane, locali e regionali, e dai patronati che operano nello Stato di San Paolo, con l’obiettivo di costruire un network collaborativo per facilitare la qualificazione professionale e l’occupazione dei giovani. All’indagine hanno risposto 80 associazioni compresi gli 8 patronati che operano nello Stato di San Paolo.

Ø      La terza ricerca ha visto protagonista i giovani discendenti italiani, con 264  questionari compilati. L’indagine  era finalizzata ad individuare le criticità rilevanti che i giovani vivono nei confronti dell’inserimento al lavoro e quali servizi considerano  urgenti e prioritari.

 

I primi risultati hanno confermano la necessità di implementare politiche e servizi che favoriscono sia l’incontro tra domanda e offerta di lavoro che nuove opportunità di crescita professionale, attraverso una mobilitá temporenea di apprendimento, orientamento e sperimentazione. Favorire, inoltre,  nuove opportunità nel campo dell’apprendimento; con percorsi formativi mirati sia alla qualificazione che alla riqualificazione. Infine, si rende necessario promuovere iniziative culturali e  formative che avvicinino le nuove generazioni, di italo-brasiliani discendenti, alle organizzazioni che operano e raggruppano gli italiani in Brasile.

 

I SEMINARI e GLI EVENTI. La partenza del progetto in Brasile, a differenza degli altri due Paesi dove esso viene simultaneamente realizzato, ha scontato l’assenza di una struttura di Italialavoro già operante ed integrata sul territorio.

Il progetto é formalmente partito il 15 febbraio 2007 con un Seminario di presentazione del progetto tenutosi presso Il Circolo Italiano di San Paolo, ed al quale hanno partecipato il dott. Lazzarini e il dott. Cesari, nonché circa 50 persone, esponenti della comunità italiana in San Paolo.

Il progetto é stato presentato presso vari organismi ed istituzioni, quali l’Associazione dei Commercianti di Osasco, la Segreteria dello Sviluppo Economico ed Azione Regionale della Grande “ABC” a Santo André, dove c’é una forte concentrazione di emigrati di origine italiana e dove hanno sede importanti industrie italiane quali la Pirelli, la ex Magneti Marelli, la TIM etc., nella città di Campinas dove all’evento organizzato dal Vice Console d’Italia hanno partecipato circa 60 giovani di origine italiana. Altro evento importante da segnalare è il Seminario organizzato da OBIETTIVO LAVORO Brasile (la piú grande agenzia privata italiana di intermediazione di manodopera presente in Brasile) tenutosi a San Paolo il 14 giugno 2007 sul tema: “La congiuntura del lavoro in Italia e Brasile – livelli crescenti di competitività internazionale”, che ha visto la presenza dell’Amministratore Delegato di Italialavoro, dott. Natale Forlani. Quest’ultimo, oltre a partecipare al seminario, ha incontrato l’Assessore al Lavoro della cittá di San Paolo, il  dott. Vinholi, ponendo le basi per una possibile collaborazione tra Italia e Brasile nel campo dei servizi per l’impiego, le piattaforme informatiche (borsa lavoro) e gli scambi di buone pratiche per facilitare l’incontro della domanda e dell’offerta di lavoro. Inoltre, sempre nell’ambito della medesima visita ci sono stati altri quattro importanti appuntamenti: l’incontro con il responsabile del Dipartimento Federale delle politiche giovanili, dott. Renato Loudwig, responsabile del Programma Primo Impiego, l’incontro con i rappresentanti della “Cabina di Regia” del progetto Ites, la visita al Console Generale d’Italia Min. Plen. Dott. Marsili e l’incontro con l’On. Merlo, deputato al Parlamento Italiano eletto dagli italiani all’estero.

In una successiva missione realizzata ad ottobre, il dott. Natale Forlani ha incontrato in Brasilia l’Ambasciatore d’Italia in Brasile dott. Valensise e il Ministro del Lavoro del Brasile On. Lupi con i quali  ha discusso dell’attuazione del Memorandum firmato tra i due Ministeri del Lavoro sul rafforzamento della cooperazione e l’interscambio nel campo delle politiche  pubbliche,  dell’occupazione e della mobilità dei lavoratori.

Altro importante appuntamento é stato il seminario di approfondimento  realizzato a Rio de Janeiro il 29 e il 30 novembre 2007 centralizzato sul tema: “Brasile-Italia interscambio di esperienze sulle politiche pubbliche di Impiego e la Formazione Professionale” con  la partecipazione di una  delegazione proveniente dall’Italia, tra i quali il direttore generale del mercato del lavoro,  dott. Menziani, il dirigente di Italialavoro,  dott. Carpo, il Presidente di Obiettivo Lavoro,  dott. Ramazza, il seminario é stato concluso dal Ministro del lavoro brasiliano On. Lupi.

 

RAPPORTI DI RECIPROCITÁ: in una economia di scala l’obiettivo di qualsiasi organismo operante dall’esterno in una realtá in via di sviluppo come il Brasile non puó prescindere dall’attivare una politica di reciprocitá. Le azioni indicate dal progetto, oltre a coinvolgere le istanze locali facenti capo alla comunità italiana come Camera di Commercio, Patronati e Associazionismo, hanno previsto l’avvio di rapporti di collaborazione con le strutture locali brasiliane che operano nel campo del mercato del lavoro e della formazione.

Nel corso dell’anno sono stati organizzati diversi incontri con operatori della formazione professionale.

Ø      Le strutture che gestiscono l’offerta formativa sono organismi interprofessionali, facenti parti del cosiddetto SISTEMA “S” quali il SENAC (commercio e turismo), il SENAI (industria), il SENAR (agricoltura), il SENAT (trasporti), il SESCOOP (sistema delle cooperative), il SEBRAE (PMI). Il “SISTEMA S” gestisce l’80%  della formazione professionale. Ad esso è anche stato affidata la gestione del programma Nazionale di incentivo al primo impiego “PNPE”;

Ø      Il CIEE – (Centro di integrazione impresa-scuola) , struttura che opera sul territorio nazionale e promuove l’incontro della domanda e dell’offerta tra il mondo della scuola e quello del lavoro identificando e offrendo opportunitá di stage agli studenti;

Ø      L’ABRESI, associazione che raggruppa le strutture che operano nella gastronomia, molte imprese associate  sono di origine italiana;

 

Con la Secretaria do Trabalho della Municipalità di San Paolo sono stati invece definiti obiettivi e contenuti che saranno espressi nella convenzione che sarà firmata entro la fine di febbraio 2008. L’Assessorato al Lavoro di San Paolo é impegnata a sviluppare politiche pubbliche per il mercato del lavoro, con programmi destinati a migliorare l’organizzazione dei servizi dei Centri per l’Impiego. Inoltre, in collaborazione con altri organismi, esso desidera sviluppare un programma di cooperazione ed interscambio con l’Italia nel campo delle politiche pubbliche del lavoro e della mobilità professionale tra i due mercati del lavoro.

La richiesta che ci viene rivolta é attivare un gruppo di lavoro che elabori al più presto un programma di cooperazione tra la Secretaria do Trabalho e Italia-lavoro, con il compito di sviluppare azioni di sistema nel campo dell’assistenza tecnica; competenze e strumenti in materia di supporto e sviluppo della rete dei servizi locali, metodologie e modelli di servizi per l’inserimento nel mercato del lavoro, tecnologie e monitoraggio di programmi nazionali. 

 

LE SPERIMENTAZIONI: terminata la fase di indagine e di informazione, in collaborazione con “la cabina di regia” ed i partner locali, è stata avviata la seconda fase del progetto con attività di sperimentazione quali tirocini e apprendistato.

Il programma di stage (tirocini) é indirizzato a 40 giovani discendenti italiani in Brasile (area Stato di San Paolo), che frequentano la scuola secondaria, universitá o studenti di corsi di specializzazione, secondo la legislazione brasiliana in materia. Il percorso di tirocinio sará realizzato in varie aree professionali presso aziende e/o enti. Il programma é realizzato in collaborazione con la Camera di Commercio italo-brasiliana,  le Associazioni e i Patronati con l’appoggio istituzionale del CIEE.

A fine novembre 2007 è stato pubblicato il bando di iscrizioni al programma al quale hanno risposto  192 giovani. Al momento  si stanno verificando i requisiti richiesti, le compatibilità dei profili con i posti offerti dalle imprese/e o enti ed eseguendo tutti gli adempimenti amministrativi. Inoltre,  é  in fase di pubblicazione il bando del Programma di Apprendistato rivolto a 30 giovani anch’essi discendenti italiani. Gli utenti saranno giovani dai 14 ai 24 anni con contratto di apperendistato  nell’area del turismo, gastronomia e hoteleria, settori dove maggiore é la presenza del lavoro informale e scarsa è la formazione professionalizzante.

Il programma di apprendistato sarà svolto in collaborazione con l’ABRESI, struttura sindacale che associa migliaia di aziende operanti nel settore turistico. E’ una entità senza fine di lucro che opera dal 1988 su tutto il territorio nazionale e promuove lo sviluppo del turismo sia come attività economica sia attraverso l’organizzazione di eventi e fiere. 

Il programma prevede la stipula del contratto di apprendistato ed il finanziamento di percorsi formativi professionalizzanti (moduli formativi) in collaborazione con la scuola João Doria, struttura formativa collegata all’Abresi, con l’apporto tecnico-finanziario di Italialavoro.

Seminario “Operatori della Rete ITES”: Il seminario é previsto per la fine di febbraio 2008. Oltre a presentare la piattaforma di Italialavoro e prendere visione  delle infrastrutture tecnologiche ed i sistemi informativi, sarà organizzata la visita al nuovo centro per l’impiego creato dal Comune di San Paolo.

Il seminario nasce dal proposito di allargare la rete ITES e a tal fine è stato chiesto ai firmatari delle convenzioni con Italialavoro di avanzare proposte e suggerimenti in merito e di fornire una mappatura aggiornata dei propri uffici e i CV degli operatori interessati. Fino ad oggi 25 operatori si sono iscritti al seminario di implementazione dei servizi mirati alle politiche attive del lavoro.

 

PROGRAMMI NUOVO ANNO: le attivitá programmate per i prossimi mesi sono articolate sulle quattro linee di azioni previste dal progetto: Animazione e Partecipazione e Rafforzamento della Rete mantenendo attiva la partecipazione della comunitá, allargando ad altri soggetti lo sviluppo dei servizi alle persone ed alle imprese al fine di migliorare l’offerta formativa e gli strumenti che facilitano l’incontro tra la domanda-offerta di lavoro. Organizzazione dei servizi: rafforzare il rapporto con le strutture locali (creare al più presto un gruppo di lavoro con la Secreteria do Trabalho) e sperimentare modelli di servizi ed integrazione tra formazione e politiche per l’occupazione. Sviluppo infrastruttura tecnologica: la rete dei servizi potrà essere utile se integrata con i sistemi informativi locali attraverso modalitá organizzative e tecniche per una gestione del sistema di piattaforma informatica e di intermediazione della manodopera, elaborazione di metodologie e pratiche innovative per la qualificazione, riqualificazione e intermediazione di manodopera e lo sviluppo di un sistema di servizi pubblici e privati per facilitare esperienze di formazione e di apprendistato. Le sperimentazioni in corso vanno nella direzione delle politiche attive del lavoro per i giovani di origine italiane. Ad esse possono essere affiancati nuovi modelli di inclusione nel mercato del lavoro quali corsi di ALTA FORMAZIONE,  AZIONI DI SUPPORTO ALLA CREAZIONE DI IMPRESA, TIROCINI PRESSO LE IMPRESE IN ITALIA.

 

Questo nuovo anno si presenta con diversi appuntamenti operativi:  la partenza in febbraio 2008 degli stages, i percorsi formativi per gli apprendisti, il seminario per gli operatori, il gruppo di lavoro con la Secretaria do Trabalho di San Paolo. Su richiesta della “CABINA DI REGIA” si pensa di organizzare un seminario operativo di presentazione delle ricerche svolte, coinvolgendo i giovani di origine italiana che desiderano essere protagonisti dell’esperienze e delle azioni di Italialavoro e che intendono inserirsi attivamente in questo nuovo progetto di sviluppo dei rapporti tra i giovani e le diverse istituzioni italiane. L’occasione della prossima Conferenza Mondiale dei Giovani Italiani all’Estero, che si terrá quest’anno a Roma, darà ulteriore stimolo a questo sforzo e sará l’occasione per dare forza e continuitá alle proposte avanzate in questi mesi dalla “CABINA DI REGIA” quali:

-         il coordinamento delle politiche pubbliche italiane a favore dei giovani italiani all’estero, con il coinvolgimento dei Comites e dell’Associazioni;

-         l’integrazione e lo sviluppo della rete permanente tra entitá pubbliche e private italiane presenti all’estero (Camere di Commercio, Patronati, Comites, Consolati, ICE e Associazioni);

-         l’attivazione di un “tavolo” di interscambio di esperienze con entitá brasiliane impegnate nel settore della formazione professionale e dell’avviamento al lavoro dei giovani;

-         il sostegno a percorsi di tirocinio  tra i due Paesi e l’aumento dell’offerta di “borse di studio” per giovani brasiliani di origine italiana.

Sono queste alcune delle proposte sulle quali anche la Conferenza si confronterà. In tal senso daranno i suoi frutti l’esperienza e le azioni svolte da Italialavoro che intende inserirsi attivamente in questo nuovo progetto di sviluppo dei rapporti tra i giovani e le diverse istanze presenti sia sul territorio locale sia in Italia.

                                                                                                                                                                                                                                                           Fonte: ITES Brasile