Home Quem somos Legislação Estatuto Mensagem do Presidente Contato

São Paulo, 18 Dezembro 2018 - 17:25 PATRONATO ENAS BRASIL    Roma, 18 Dicembre 2018 - 20:25
Aposentadoria/Pensioni
- INPS
- INSS
- Acordo Internacional
Cidadania Italiana
- Orientação
- Traduções
- Trentini/Sammarinesi
Destaques
Notícias
Links Úteis
Informações
- Brasil
- Itália
BATTISTI, "IL CASO PRESTO ALLO CORTE DELL`AJA"
 
 
 
 
Lo ha detto il ministro Frattini, che ha affermato: "Il Brasile provi vergogna e imbarazzo per la mancata estradizione". L`ex terrorista dei Pac è accusato di essere il mandante di quattro omicidi

"Prima della fine di questo mese la Corte internazionale di Giustizia dell`Aja sarà investita del caso Cesare Battisti". L`annuncio è stato dato dal ministro degli Esteri Franco Frattini. Il terrorista, che da tempo si trova in Brasile, non è mai stato estradato in Italia, come il nostro Paese ha più volte richiesto. Battisti è stato condannato all`ergastolo in contumacia in Italia come mandante di quattro omicidi.

"Il Brasile si vergogni"
"Per quanto riguarda l`aspetto personale di questa figura di terrorista non pentito che offende la memoria delle vittime, è una vergogna per il Brasile che deve provare qualche imbarazzo". E` quanto ha affermato il ministro degli Esteri, Franco Frattini, tornando a parlare del caso Cesare Battisti a margine di un incontro della festa del Pdl "Atreju".

Il ministro, ribadendo che il caso sarà portato alla Corte internazionale di giustizia dell`Aja entro la fine del mese, ha osservato: "Siamo stati inondati da mail di cittadini brasiliani di origine italiana e la stampa in Brasile si è ribellata a questo ennesimo atto sconsiderato di una persona che oltre ad avere indebitamente goduto di un vantaggio ha pensato pure di parlare per rincarare la dose". Frattini ha quindi "confermato la determinazione del governo italiano ad andare alla Corte dell`Aja non oltre la fine del mese".

Fonte:
TG Com