Home Quem somos Legislação Estatuto Mensagem do Presidente Contato

São Paulo, 17 Dezembro 2018 - 15:07 PATRONATO ENAS BRASIL    Roma, 17 Dicembre 2018 - 18:07
Aposentadoria/Pensioni
- INPS
- INSS
- Acordo Internacional
Cidadania Italiana
- Orientação
- Traduções
- Trentini/Sammarinesi
Destaques
Notícias
Links Úteis
Informações
- Brasil
- Itália
PENSIONI: INPS; 1 SU 2 SOTTO 500 EURO, 8 SU 10 SOTTO I 1.000
 
 
 
 

ROMA (MF-DJ)--Nel 2011 risultano iscritti all`Inps quasi 20 milioni di lavoratori, pari all`86,9% del totale degli occupati, che diventano 23,8 milioni se si considerano gli iscritti ad Inpdap ed Enpals.

Il numero delle pensioni Inps in essere al 31 dicembre 2011, escluse le pensioni di invalidita` civile, e` di 15.629.790, in leggero calo rispetto al 2010, quando superavano i 16 milioni. E` quanto si legge nel rapporto Inps.

Al 31 dicembre i pensionati Inps, titolari cioe` di almeno una prestazione erogata dall`Istituto, sono 13.941.802 (16,6 milioni se si aggiungono i pensionati Inpdap ed Enpals) di cui il 59% donne, che percepiscono il 44% totale dei redditi pensionistici, e il 41% uomini, cui va il 56% dei redditi pensionistici.

Il reddito pensionistico mensile medio, cioe` il reddito che deriva dalla media dei trattamenti previdenziali e assistenziali erogati sia dall`Inps sia da altri enti, e` pari a 1.131 euro (nel 2010 era di 1.084 euro). L`importo medio mensile delle pensioni previdenziali Inps, cioe` delle pensioni che traggono origine dalle diverse forme di contribuzione, e` invece di 859 euro.

Il valore medio mensile medio della pensione risultante dalla media dei trattamenti sia previdenziali sia assistenziali erogati dall`Istituto e` pari a 770 euro.

Il valore medio mensile della pensione percepita dalle donne (569 euro) e` notevolmente inferiore a quello della pensione incassata dagli uomini, che e` pari a 1.047 euro. Cio` e` dovuto sia alla maggiore presenza femminile fra i titolari di prestazioni assistenziali (di importo piu` basso), sia ai valori medi delle pensioni previdenziali piu` bassi per le donne. Le donne, infatti, sono la maggioranza fra i pensionati di vecchiaia (63%), prestazione il cui importo medio mensile e` di 684 euro e che fa registrare una consistente differenza nei valori medi fra uomini (887 euro) e donne (563 euro). Di contro, gli uomini costituiscono l`81% dei pensionati di anzianita`, il cui importo medio mensile e` di 1.500 euro (1.582 euro per gli uomini e 1.150 per le donne).

Considerando il complesso delle pensioni in essere (sia previdenziali che assistenziali) circa il 77% degli assegni presenta un valore medio mensile inferiore ai 1.000 euro (nel 2010 erano il 79%). Di questi, il 49% e` al di sotto dei 500 euro (nel 2010 era il 50,8%), mentre quasi il 12% si colloca fra i 1.000 e i 1.500 euro (nel 2010 era l`11,1%). Al di sopra dei 1.500 euro e` il restante 11% (di cui solo il 2,6% supera i 2.500 euro).

Nel 2011 i tempi di liquidazione delle domande di pensione sono ulteriormente migliorati. La percentuale di prestazioni liquidate entro 30 giorni e` dell`88,6%, che sale al 98,1% entro il limite dei 120 giorni, termine oltre il quale decorrono gli interessi legali.

 

Fonte:
Borsa Italiana