Home Quem somos Legislação Estatuto Mensagem do Presidente Contato

São Paulo, 15 Dezembro 2018 - 16:32 PATRONATO ENAS BRASIL    Roma, 15 Dicembre 2018 - 19:32
Aposentadoria/Pensioni
- INPS
- INSS
- Acordo Internacional
Cidadania Italiana
- Orientação
- Traduções
- Trentini/Sammarinesi
Destaques
Notícias
Links Úteis
Informações
- Brasil
- Itália
LA RAGIONERIA: I RISPARMI DELLA RIFORMA DELLE PENSIONI NON POSSONO FINANZIARE L`ALLARGAMENTO DELLA PLATEA DEI SALVAGUARDATI
 
 
 
 

La Ragioneria generale dello Stato lo mette nero su bianco: se si vuole allargare la platea dei lavoratori esodati che potranno andare in pensione con le vecchie regole oltre la soglia delle 120mila persone lo si dovrà fare senza intaccare le risorse scaturite dall`ultima riforma previdenziale.

Sono 120mila gli esodati che usciranno con le vecchie regole
Dal documento della Ragioneria generale dello Stato illustrato dall`ispettore generale capo Francesco Massicci in audizione presso le commissioni riunite di Lavoro e Bilancio della Camera emerge che il totale degli esodati ai quali é garantito l`accesso alla pensione con le vecchie regole é di 120.000 persone e che ulteriori, eventuali interventi per aumentare questo numero «necessitano primariamente dell`individuazione dei necessari mezzi di copertura diretti ad assicurare una compensazione nell`ambito della complessiva spesa della pubblica amministrazione».

I risparmi della riforma delle pensioni sono già scontati
In ogni caso, avverte la Ragioneria nel report, «i mezzi di copertura non potranno essere reperiti all`interno delle complessive economie previste a seguito della legge sulla riforma del sistema pensionistico dal momento che sono scontate negli andamenti di finanza pubblica a legislazione vigente e pertanto necessitano dell`adozione di ulteriori interventi compensativi nell`ambito degli equilibri di finanza pubblica (e primariamente nell`ambito della spesa pubblica)».

 

Fonte:
Il Sole 24 Ore