Home Quem somos Legislação Estatuto Mensagem do Presidente Contato

São Paulo, 17 Dezembro 2018 - 07:56 PATRONATO ENAS BRASIL    Roma, 17 Dicembre 2018 - 10:56
Aposentadoria/Pensioni
- INPS
- INSS
- Acordo Internacional
Cidadania Italiana
- Orientação
- Traduções
- Trentini/Sammarinesi
Destaques
Notícias
Links Úteis
Informações
- Brasil
- Itália
IL BARESE SERGIO MONTERISI DIRIGE A S. PAOLO DEL BRASILE `IL BARBIERE DI SIVIGLIA` DEL TARANTINO GIOVANNI PAISIELLO
 
 
 
 

Due pugliesi per un capolavoro operistico che fece epoca diventando anche il modello per le `Nozze di Figaro` del sommo Mozart e per l`omonima e celeberrima opera di Gioacchino Rossini. Parliamo del `Barbiere di Siviglia` del tarantino Giovanni Paisiello, compositore vissuto fra la seconda metà del `700 e i primi dell` 800, figura di spicco della Scuola Musicale Napoletana e artista ai suoi tempi proiettato sulla scena musicale europea, e del direttore d`orchestra barese Sergio Monterisi, il cui lavoro lo sta portando da anni in prestigiosi teatri internazionali, ambasciatore della migliore tradizione musicale italiana. Dopo il debutto di successo dello scorso 21 settembre - in prima assoluta per il Brasile - il nuovo appuntamento con il `Barbiere` è per questa sera al Theatro São Pedro di San Paolo del Brasile, dove l`opera andrà in scena anche il 25, 27, 29 e 30 settembre con la direzione musicale di Monterisi sul podio della Orquestra do Theatro São Pedro, e la regia di Enzo Dara, già magistrale `don Bartolo` in tanti `Barbiere` andati in scena in giro per il mondo e da qualche anno passato con successo alla regia operistica.

Del M° Monterisi abbiamo sentito parlare di recente a Bari in occasione della vittoria del primo premio ex-aequo e del premio della giuria popolare al Primo Concorso di Composizione "Terra di Puglia" tenutosi lo scorso maggio, riconoscimento ottenuto per il suo brano "Concerto a 11" per pianoforte e 10 strumenti. Quella del 2012 è stata per il musicista barese un`estate ricca di impegni: concerti e festival alla guida delle orchestre di Cannes e dell`Opéra di Toulon fino all`approdo a San Paolo del Brasile dove sta dirigendo, in prima esecuzione per un Paese di grandi tradizioni liriche, `Il Barbiere di Siviglia` di Giovanni Paisiello.

"Questa nuova produzione - spiega Monterisi - è stata voluta dal Theatro Sao Pedro di San Paolo del Brasile e si avvale della brillante regia di Enzo Dara, uno dei più grandi bassi buffi del dopoguerra, e di un cast internazionale, in cui spiccano, a fianco degli ottimi solisti brasiliani (il tenore Luciano Botelho, il basso Carlos Eduardo Marcos, il baritono Manuel Alvarez), il soprano albanese Artemisa Repa ed il basso-baritono italiano Alessio Potestio".

Abbiamo chiesto a Monterisi con quale spirito si è accinto al debutto assoluto in Brasile di un`opera che a suo tempo accrebbe la già notevole celebrità di un suo illustre corregionale come Paisiello: "La direzione di quest`opera, estremo capolavoro della scuola operistica napoletana e modello imprescindibile per Mozart e Rossini, mi riempie d`orgoglio: nella mia attività internazionale ho infatti sempre cercato di diffondere e promuovere la musica dei compositori della mia regione o ad essa legati: da Nino Rota, che ho diretto a Boston, San Pietroburgo e Nizza in stagioni sinfoniche, liriche e festival, a Nicola Scardicchio, cui l`Ensemble Apostrophe di Nizza commissionò un brano eseguito in prima esecuzione assoluta, e adesso tocca al nostro tarantino Paisiello".

E Nino Rota, la cui tradizione compositiva prosegue in Puglia attraverso l`opera del suo discepolo barese Nicola Scardicchio (a sua volta figura di rilievo nella formazione di compositore dello stesso Monterisi), è oggetto anche di un nuovo progetto che vedrà protagonista Monterisi in alcuni teatri francesi: "presto debutterò con lo spettacolo "Frack!" dedicato alle musiche e alle canzoni dei film di cui Nino Rota compose le colonne sonore; andrà in scena al Théâtre de Cannes il prossimo dicembre con riprese a gennaio al Théâtre des Variétés. Lo spettacolo è stato concepito e realizzato da me in collaborazione con la regista Magali Thomas che, prestando loro la voce e tessendone relazioni ed emozioni, ne interpreta con grande versatilità tutti i personaggi, figure che paiono uscite come da un immaginario circo felliniano."

 

fonte:

cannibali