Home Quem somos Legislação Estatuto Mensagem do Presidente Contato

São Paulo, 17 Dezembro 2018 - 15:06 PATRONATO ENAS BRASIL    Roma, 17 Dicembre 2018 - 18:06
Aposentadoria/Pensioni
- INPS
- INSS
- Acordo Internacional
Cidadania Italiana
- Orientação
- Traduções
- Trentini/Sammarinesi
Destaques
Notícias
Links Úteis
Informações
- Brasil
- Itália
M.MARELLI: EQUIPAGGIATE IN BRASILE 10 MLN AUTO CON SISTEMA FLEX
 
 
 
 

MILANO (MF-DJ)--Magneti Marelli (gruppo Fiat), pioniere nella tecnologia Flex, celebra un successo storico sul mercato automotive brasiliano, dopo aver equipaggiato piu` di 10 milioni di veicoli con il suo SFS-Software Flexfuel Sensor.

La cifra, informa una nota, rappresenta il 67% dei quasi 15 milioni di automobili a biocombustibile venduti in Brasile dal 2003, anno del lancio del sistema. Tale dato si riferisce al numero totale di veicoli immatricolati tra il 2003 e il 2011, secondo Anfavea (associazione nazionale dei produttori di autoveicoli). Nel corso di questo periodo, i veicoli a biocombustibili sono diventati la maggioranza e, attualmente, rappresentano l`83% delle vendite totali; da gennaio a giugno di quest`anno sono state vendute in totale 1.402.672 unita`.

Per il consumatore, il vantaggio principale della soluzione Flex e` costituito dalla possibilita` di scegliere il tipo di combustibile con il miglior rapporto costi/benefici, in questo caso con l`alcool (etanolo) che funge da alternativa alla benzina. I combustibili vegetali, potendo vantare una combustione migliore, contribuiscono a ridurre la quantita` di emissioni inquinanti rilasciate nell`atmosfera. La storia della tecnologia flex inizia nel marzo 2003, quando Magneti Marelli rivoluziona il mercato automobilistico lanciando il primo sistema flex fuel, noto come SFS-Software Flexfuel Sensor, grazie al quae gli automobilisti possono scegliere quale tipo di combustibile utilizzare nell`auto in quanto il sistema e` in grado di gestire automaticamente la combustione di alcool, benzina o della miscela fra i due combustibili in qualsiasi percentuale.

 

Fonte:

Borsa Italiana