Home Quem somos Legislação Estatuto Mensagem do Presidente Contato

São Paulo, 15 Dezembro 2018 - 00:31 PATRONATO ENAS BRASIL    Roma, 15 Dicembre 2018 - 03:31
Aposentadoria/Pensioni
- INPS
- INSS
- Acordo Internacional
Cidadania Italiana
- Orientação
- Traduções
- Trentini/Sammarinesi
Destaques
Notícias
Links Úteis
Informações
- Brasil
- Itália
BRASILE: LE IMPRESE PREVEDONO AUMENTI SALARIALI DEL 7,5% NEL 2013
 
 
 
 
Secondo la Pesquisa de Tendencias Salariais della ECA International, questo valore è inferiore alla crescita dell`8% registrata in media per l`America Latina. Per il direttore generale della società di gestione, Lauren Smith, anche se la 

 

velocità con cui aumenteranno i salari in Brasile il prossimo anno sarà più lenta, il riallineamento sarà di nuovo superiore a quello osservato negli ultimi anni.
Inoltre, mentre al netto dell’inflazione significa che in termini reali gli aumenti saranno del 2,6%, vale la pena sottolineare che la variazione è stata significativamente più positiva di due anni fa, quando le diminuzioni sono state osservate in termini reali.
Lo studio mostra anche che i paesi latino-americani registreranno medie salariali più alte nel 2013, con un aumento medio di oltre il 12%. Le proiezioni indicano che il Venezuela vedrà i maggiori aumenti dei salari, dato che le imprese del paese prevedono incrementi fino al 28,1% per il prossimo anno.
Tuttavia, l`impatto di tale aumento sarà completamente eroso dall`inflazione, con una previsione del 28,9% nel 2013. Con il 23,5%, si prevede che l`Argentina si posizionerà al secondo posto in America Latina in relazione all’aumento medio di stipendio nei prossimi anni.
L`attuale incertezza economica in Europa e le preoccupazioni persistenti circa gli Stati Uniti pregiudicheranno gli aumenti salariali in termini globali. Per esempio, i minori aumenti nella regione saranno concessi sia ai professionisti statunitensi sia a quelli canadesi. Si calcola che questi ultimi potrebbero ricevere aumenti salariali del 3% in media – lo stesso livello di quest’anno e del 2011.
La ricerca si basa sulle informazioni raccolte presso 322 multinazionali in 65 paesi.
È soprattutto utilizzata da aziende internazionali per monitorare e per avere un parametro riguardo agli aumenti salariali concessi dalle aziende nei mercati locali di tutto il mondo. (ICE SAN PAOLO)

 

Fonte:
Tribuna Economica