Home Quem somos Legislação Estatuto Mensagem do Presidente Contato

São Paulo, 11 Dezembro 2018 - 02:48 PATRONATO ENAS BRASIL    Roma, 11 Dicembre 2018 - 05:48
Aposentadoria/Pensioni
- INPS
- INSS
- Acordo Internacional
Cidadania Italiana
- Orientação
- Traduções
- Trentini/Sammarinesi
Destaques
Notícias
Links Úteis
Informações
- Brasil
- Itália
PENSIONI, ECCO COME POTERSI ORIENTARE NEL LABIRINTO DEL CUD E DELLE LEGGI
 
 
 
 

Firenze, 26 marzo 2013 - Lucia Terrosi e Mariarosa Montefusco della direzione regionale dell`Inps ieri hanno risposto, in una videochat in diretta dagli studi della redazione de La Nazione, alle tante domande, dubbi su Cud, cassa integrazione, pensioni, indennità di disoccupazione arrivate dai nostri lettori.


Il principale argomento affrontato nel corso della diretta è stato il ritiro del Cud, la certificazione unica dei redditi di lavoro dipendente, pensione e assimilati, soprattutto in relazione alle nuove procedure di comunicazione telematica che comportano diverse difficoltà soprattutto per i pensionati nel procedere alla stampa nel formato cartaceo del documento. Infatti, come si legge sul sito dell`istituto previdenziale: "La Legge di stabilità 2013 prevede che gli enti previdenziali non inviino più il CUD ai pensionati in formato cartaceo, se non su espressa richiesta dell’interessato".

La dottoressa Terrosi della direzione regionale ha ripercorso tutte le modalità a disposizione per il ritiro della certificazione a partire dal numero verde 800434320 al quale è possibile richiedere la spedizione del CUD direttamente a domicilio.

Altre modalità di accesso al documento sono previste per chi ha un indirizzo di posta elettronica certificata, pec, mentre per chi ha un semplice indirizzo email è possibile ricevere via telematica un avviso che informi sulla disponibilità del CUD sul sito online dell`Inps. Inoltre, in tutte le agenzie e sedi dell`istituto, e anche in quelle ex Indap, sono stati istituiti degli sportelli interamente dedicati alla stampa dei CUD per i pensionati della gestione privata e pubblica.

Nelle varie sedi territoriali sono state predisposte anche delle postazioni telematiche self service dove inserendo il proprio pin fornito dall`Inps o strisciando la propria tessera sanitaria è possibile stampare il certificato in poco tempo.

Lucia Terrosi ha poi sottolineato che comunque i dati reddituali riportati nel CUD sono stati inviati anche ai centri di assistenza fiscale, non rendendo necessaria la stampa del certificato nel caso ci si rivolga ai Caf per la denuncia dei redditi, perché già nel loro database.

In aggiunta, dietro pagamento, è possibile stampare il CUD anche negli uffici postali o farselo dare dagli intermediari, commercialisti, consulenti del lavoro, enti di patronato.

Particolari servizi sono stati attivati per certe fasce di utenti come gli ultra 85enni che hanno a disposizione uno sportello mobile contattabile telefonicamente per una vasta gamma di servizi che vanno dalla richiesta della busta paga della pensione, alla variazione di indirizzo, alla variazione di ufficio pagatore, all`iscrizione o alla cancellazione di colf e badanti. Attraverso questa linea diretta un funzionario Inps gestirà la richiesta e il cittadino riceverà la comunicazione direttamente al proprio domicilio.

Alla dirigente di Inps Toscana sono poi state rivolte alcune domande arrivate dai nostri lettori.

Se dopo una ventina di giorni dalla richiesta al numero verde il CUD non è ancora arrivato, bisogna sollecitare?
Non è necessario ripetere la richiesta sarà recapitato direttamente a casa in tempo utile per la denuncia dei redditi.

Ci sono sportelli dove si può ritirare il CUD?
Meglio ribadire: il CUD può essere richiesto in tutte le agenzie del territorio dalle 8.30 alle 12.30. Per la stampa del CUD ci sono sportelli dedicati in ogni sede dell`istituto. A Firenze ce ne sono addirittura due.

Un pensionato ha portato la sua testimonianza: ha ottenuto il CUD in 5 minuti, ma fuori dalla sede Inps c`era la fila fin dalle 7 del mattino. Non è possibile predisporre un`accoglienza più agevole per gli anziani?
Suggeriamo di non affrettarsi prima dell`apertura dello sportello. Se l`afflusso è alto lo sportello tende ad aprire prima. Comunque stiamo attenti che chi si mette in fila presto sia gestito entro la fine della mattinata. Per esempio negli orari di picco poi cerchiamo di aprire più sportelli.

Perché siamo arrivati al CUD telematico? C`è effettivamente un risparmio?
La legge di stabilità ha previsto che le pubbliche amministrazioni usino le vie telematiche per le comunicazioni con il cittadino. Non esiste più un`istanza che possa essere presentata all`istituto in versione cartacea. Sempre di più cercheremo di utilizzare la via telematica cercando di supportare ed aiutare chi ha difficoltà con sportelli e direttamente tramite gli intermediari.

Una pensionata ex Indap ha ricevuto solo due euro di pensione per il conguaglio fiscale, non è un caso isolato. 
In questo momento le due gestioni sono ancora separate nonostante l`accorpamento.

In molti si lamentano perché per gli ammortizzatori sociali ci sono tempi molto lunghi di attesa. Per esempio per la cassa integrazione. Perché ci vuole così tanto?
Colgo l`occasione per cercare di spiegare l`iter di queste richieste e gli attori coinvolti: per la cassa integrazione in deroga l`azienda presenta una domanda alla Regione Toscana; la regione esamina la domanda e la accoglie con un provvedimento concessorio; l`autorizzazione viene trasmessa contemporaneamente all`azienda e all`Inps per via telematica; l`Inps per rilasciare il pagamento oltre all`autorizzazione ha bisogno anche che l`intermediario o l`azienda stessa gli invii il modello SR41. Dalla ricezione dell`SR41 al pagamento della cassa integrazione solitamente non passa più di un mese.
Si sono verificati particolari ritardi e abbiamo iniziato tardi a rispondere alle domande del 2012, ma entro fine marzo dovremmo effettuare tutti i pagamenti relativi al 2012. Mentre inizieremo ad esaminare le domande relative al 2013 da aprile.
Calcolando tutto il tempo che ci vuole dalla domanda dell`azienda alla Regione al pagamento in media ci vogliono 3 4 mesi. Ogni attore ha bisogno di un po` di tempo per effettuare gli accertamenti di propria competenza.

Un lettore "esodato" che è stato licenziato il 30 dicembre 2008 e la cui pensione dovrebbe decorrere da settembre 2013 chiede perché l`Inps non gli ha inviato nessuna comunicazione sulla sua condizione.
Per quanto riguarda i cosiddetti "esodati", abbiamo inserito a livello territoriale i nomi in un database, ma stiamo aspettando che a livello centrale venga redatta una graduatoria per i 75mila in lista. Quando sarà pronta verrà comunicata una risposta direttamente al soggetto.

Un insegnante che fa supplenze nella scuola pubblica chiede quando potrà chiedere l`Aspi?
L`Aspi è in sostanza la nuova disoccupazione ordinaria, mentre quella a requisiti ridotti si chiama mini Aspi. Si può richiedere al termine del rapporto di lavoro.

 

Fonte:
La Nazione