Home Quem somos Legislação Estatuto Mensagem do Presidente Contato

São Paulo, 15 Dezembro 2018 - 16:32 PATRONATO ENAS BRASIL    Roma, 15 Dicembre 2018 - 19:32
Aposentadoria/Pensioni
- INPS
- INSS
- Acordo Internacional
Cidadania Italiana
- Orientação
- Traduções
- Trentini/Sammarinesi
Destaques
Notícias
Links Úteis
Informações
- Brasil
- Itália
LA PENSIONE FLESSIBILE: SI TORNA A 62 ANNI?
 
 
 
 

Il nodo urgente da sciogliere per il neo governo Letta è quello degli esodati e delle pensioni, riscrivendo parte della Riforma Fornero, per la realizzazione di una Riforma delle Pensioni più accessibile e flessibile alle soglie “anagrafiche di pensionamento”, con l’abbassamento dell’età pensionabile da 67 a 62 anni.

La grave crisi e la forte disoccupazione, rendono urgenti i provvedimenti del nuovo Governo e la “soluzione strutturale” cosi definita testualmente dal premier, introdurrà una forma di flessibilità verso il pensionamento, con un possibile ritiro anticipato dal lavoro, anche se con la penalizzazione, ovvero meno soldi, ma eliminando così il problema degli esodati. A riguardo il premier ha dichiarato di agire per evitare anche prossimi possibili licenziamenti degli “over 55”, che non ritroverebbero una facile ricollocazione del lavoro: “Evitare la formazione di bacini estesi di lavoratori anziani, nei confronti dei quali, venendo messi alla porta dalle aziende, diventa difficile la ricollocazione al lavoro”.

Prendendo in considerazione la grave emergenza del Paese, con alti livelli preoccupanti di disoccupazioni e la forte recessione economica, il programma del nuovo Governo sembrerebbe puntare su un cambiamento radicale della Riforma del Welfare, di cui le nuove forme di pensionamento graduali e anticipate di 3-4 anni con proporzionale penalizzazione, sarebbero solo una parte. Nell’attesa dei dettagli del piano di governo, il sottosegretario al Lavoro Carlo Dell’Aringa ha dichiarato allarmato, a Repubblica online: “ Pensionamento flessibile o rischiamo una valanga di esodati. Inoltre non ci sono opportunità di lavoro per i giovani. Consideri che negli ultimi anni l’occupazione nella fascia di età over 55 è aumentata di 400 mila unità”, sottolineando la grave e urgente emergenza dei due milioni di giovani disoccupati, che non studiano e non lavorano.

 

Fonte:
supermoneynews