Home Quem somos Legislação Estatuto Mensagem do Presidente Contato

São Paulo, 11 Dezembro 2018 - 09:31 PATRONATO ENAS BRASIL    Roma, 11 Dicembre 2018 - 12:31
Aposentadoria/Pensioni
- INPS
- INSS
- Acordo Internacional
Cidadania Italiana
- Orientação
- Traduções
- Trentini/Sammarinesi
Destaques
Notícias
Links Úteis
Informações
- Brasil
- Itália
LA FLESSIBILITÀ TEDESCA CHE FA VIRTUOSA L`ITALIA
 
 
 
 

Dalla Germania sono in arrivo importanti novità in materia di pensioni. C’è da presumere che - quando ce ne accorgeremo - queste novità apriranno un dibattito anche in Italia, magari al servizio di quel movimento bipartisan che punta a cambiare i capisaldi della riforma Fornero. Nei prossimi giorni, il governo Cdu-Spd di Angela Merkel varerà un disegno di legge in cui saranno contenute due modifiche significative del sistema per quanto riguarda il parametro fondamentale dell’età pensionabile. Sarà introdotto, in pratica, una forma di pensionamento di vecchiaia anticipato, senza penalizzazioni economiche, purché il soggetto interessato sia in grado di far valere 63 anni di età e 45 di anzianità contributiva. Un ulteriore beneficio verrà applicato alle lavoratrici in rapporto ai figli avuti prima del 1992: anche loro potranno accedere a un pensionamento anticipato.

Come si può notare, la prima di tali misure si muove nella medesima logica del pensionamento anticipato previsto, da noi, nel 2011 nel decreto salva-Italia. E lo fa con criteri più severi: da noi sono sufficienti circa 42 anni di contributi effettivi e figurativi e 62 anni di età. A un’età inferiore opera, nel nostro sistema, una penalizzazione economica pari a un punto percentuale all’anno per i primi due anni e a due punti per quelli successivi. Poi, il requisito contributivo si sposta in avanti adeguandosi all’attesa di vita. Ricordiamo altresì che, per un periodo transitorio fino al 2018, chi potrà fare valere un’anzianità contributiva effettiva, pari a quella richiesta (comprendendovi pure taluni periodi di natura figurativa), potrà accedere al trattamento senza penalizzazioni prima dei 62 anni.

In sostanza, anche quando “addolciscono” i requisiti pensionistici i tedeschi si fanno sempre riconoscere. Accumulare 45 anni di anzianità contributiva non è certo facile (ovviamente - immaginiamo - considerando pure la contribuzione figurativa). A 63 anni significa aver iniziato a lavorare a 18 e aver continuato senza interruzioni. È interessante e innovativo, invece, il riconoscimento di un bonus anagrafico/contributivo per le maternità ante 1992. In sostanza, però, si tratta di provvedimenti che tutelano i lavoratori e le lavoratrici anziani. Alla base del disegno di legge sta, dunque, una precisa scelta politica a favore dei “pensionandi”, in ragione del loro peso elettorale crescente. Sia la Spd che la Cdu-Csu si sono intestati il provvedimento: il primo partito ha la paternità del pensionamento anticipato, mentre il secondo ha insistito per lo sconto a favore delle madri.

 

Fonte:

Gi Group