Home Quem somos Legislação Estatuto Mensagem do Presidente Contato

São Paulo, 19 Dezembro 2018 - 05:55 PATRONATO ENAS BRASIL    Roma, 19 Dicembre 2018 - 08:55
Aposentadoria/Pensioni
- INPS
- INSS
- Acordo Internacional
Cidadania Italiana
- Orientação
- Traduções
- Trentini/Sammarinesi
Destaques
Notícias
Links Úteis
Informações
- Brasil
- Itália
L`ARGENTINA PAGA IL CLUB DI PARIGI, ACCORDO FATTO PER 9,7 MILIARDI DI DOLLARI. IN PARTE TORNERANNO IN ITALIA
 
 
 
 

La madre di tutte le negoziazioni internazionali. L`Argentina ha trovato un accordo con il Club di Parigi e pagherà 9,7 miliardi di debiti entro 5 anni. Il ministro argentino dell`Economia, Axel Kicillof, lascerà il suo albergo a Parigi, a pochi passi dall`Arco di trionfo, e ritornerà domani a Buenos Aires con un`immagine internazionale rilanciata, sua e dell`Argentina, il Paese sempre meno moroso all`indomani del drammatico default del 2002.

L`accordo che comunque dovrà essere ratificato da tutti i Paesi membri del Club di Parigi, prevede che la prima tranche, pari a 1,15 miliardi di dollari, venga erogata dal governo di Buenos Aires entro maggio 2015. Le successive dal 2016 in avanti. 

Una trattativa, quella tra l`Argentina e il Club di Parigi, annunciata un anno fa, spinta dalla necessità del Paese sudamericano di accedere nuovamente al mercato dei capitali; la mancata estinzione di quel debito le impedisce di ritrovare fondi sul mercati finanziari internazionali.

I dettagli del Piano sono questi: verrà applicato un tasso di interesse del 3% per tutta la durata dell`accordo di estinzione del debito che è di 5 anni, ma potrebbe esser protratto a 7 qualora non vi siano sufficienti investimenti diretti in Argentina da parte dei Paesi membri del Club di Parigi.

Le critiche all`accordo provengono dall`opposizione che interpreta l`operazione del governo argentino in carica come spregiudicata: gran parte delle rate di estinzione del debito dovranno infatti esser rimborsate dal governo che verrà eletto nel 2016. Quindi, non più da Cristina Fernandez de Kirchner.

 

Fonte:
Il Sole 24 Ore