Home Quem somos Legislação Estatuto Mensagem do Presidente Contato

São Paulo, 11 Dezembro 2018 - 09:33 PATRONATO ENAS BRASIL    Roma, 11 Dicembre 2018 - 12:33
Aposentadoria/Pensioni
- INPS
- INSS
- Acordo Internacional
Cidadania Italiana
- Orientação
- Traduções
- Trentini/Sammarinesi
Destaques
Notícias
Links Úteis
Informações
- Brasil
- Itália
IL BRUTTO PASTICCIO DELLE ELEZIONI DEI COMITES CHE PROBABILMENTE NON SI TERRANNO PIÙ
 
 
 
 

Il governo ha deciso, come provvedimento urgente, di rinviare le elezioni dei Comites ad aprile dell’anno prossimo perché risultano attualmente iscritti nelle liste elettorali consolari poco più di 60 mila elettori, circa il 2% dei votanti.
Stupisce lo stupore di chi pare accorgersi oggi del pasticcio combinato da incompetenti (nella migliore delle ipotesi).
Lo sapevano anche i sassi che fare votare solo chi si iscrive avrebbe abbassato di molto la percentuale dei votanti, ma ci sarebbe stato un modo per contenerla a limiti accettabili. Ma nessuno degli incompetenti naturalmente ci ha pensato.
Se si fosse almeno dimezzato il numero di firme per la presentazione delle liste:


a) Sarebbero state presentate più liste aumentando la competizione e quindi la partecipazione. In molti posti c’è un’unica lista. E quante non sono riuscite a tagliare il traguardo per la mancanza di 5-10 firme;


b) Sarebbero state presentate liste anche nelle 20 circoscrizioni ora completamente sguarnite, dove naturalmente nessuno andrà a votare.


Non so ora cosa abbiano in mente di preciso gli incompetenti (sempre nella migliore delle ipotesi) ma dubito molto che ci saranno queste elezioni dei Comites il 17 aprile del 2014. Chi ha orecchie per ascoltare ed occhi per vedere si è accorto che Renzi vuole andare alle elezioni politiche nella primavera dell’anno prossimo. Basterebbe considerare tutte le tasse ed i balzelli approvati ed in via di approvazione che entreranno in vigore nel 2016 per capire come stanno le cose: intanto si vota e poi chi ha avuto ha avuto…


Se si voterà per le politiche sicuramente non si voterà per i Comites. A meno che agli incompetenti (sempre nella migliore delle ipotesi) non venga in mente di accorpare le elezioni dei Comites alle elezioni politiche sommando pasticcio a pasticcio, ma non credo che arriverebbero a tanto. Vivaddio, c`è un limite anche all`incompetenza.

 

Fonte:
GIAN LUIGI FERRETTI