Home Quem somos Legislação Estatuto Mensagem do Presidente Contato

São Paulo, 15 Dezembro 2018 - 16:35 PATRONATO ENAS BRASIL    Roma, 15 Dicembre 2018 - 19:35
Aposentadoria/Pensioni
- INPS
- INSS
- Acordo Internacional
Cidadania Italiana
- Orientação
- Traduções
- Trentini/Sammarinesi
Destaques
Notícias
Links Úteis
Informações
- Brasil
- Itália
PENSIONI, LA SENTENZA COSTEREBBE 19 MILIARDI. MA IL GOVERNO PER IL 2015 PUNTA A RIMBORSARNE 4
 
 
 
 
Tutte le notizie di Rai News - ultime notizie in tempo reale - home page, logo rai news Torna su Menu Video Foto Blog ITALIA Possibile un decreto a giugno Pensioni, la sentenza costerebbe 19 miliardi. Ma il governo per il 2015 punta a rimborsarne 4 I rimborsi seguirebbero il principio della gradualità: rimborsi totali sotto i 1500 euro, parziali fino a 3 mila poi nulli. Padoan: "Rispetteremo la sentenza e gli obblighi con la Ue" Tweet 19 Pensioni, pubblicata sulla Gazzetta Ufficiale sentenza della Consulta. Tecnicamente è già efficace Rimborsi pensioni, ecco a chi spettano e quanto incidono Pensioni, Padoan: "Rispetteremo la sentenza e gli obblighi con Ue" Pensioni, fonti del governo: "Non rimborsare tutti è compatibile con sentenza Consulta" 08 maggio 2015 Il caso pensioni irrompe violentemente nell`agenda economica del governo Renzi. La sentenza della Consulta, in vigore proprio da oggi con la pubblicazione in Gazzetta Ufficiale, potrebbe infatti costare al Tesoro italiano addirittura 19 miliardi di euro, da contabilizzare tutti nel bilancio 2015. Sarebbero i calcoli definitivi della Ragioneria dello Stato che, secondo quanto rivela il quotidiano Repubblica, sarebbero arrivati in questi giorni sulla scrivania di via XX Settembre. A ieri le stime si fermavano a 16 miliardi di euro lordi. Voce di spesa da contabilizzare tutta nel bilancio 2015 e che farebbe schizzare il deficit al 3,9% portando l`Italia al commissariamento europeo. Per questo il governo, secondo indiscrezioni sarebbe intenzionato a pagarne solo 4, applicando il criterio della gradualità (rimborsi totali sotto i 1500 euro, parziali fino a 3 mila poi nulli). Sarebbe questa l`exit strategy trovata da Palazzo Chigi e già comunicata a Bruxelles. Ma è ancora tutto top secret e lo rimarrà fino a inizio giugno. La priorità al momento infatti sarebbe evitare che la campagna elettorale per le regionali del 31 maggio viri sul capitolo pensioni. Possibile un Consiglio dei ministri il 3 giugno. Limitare a 4 miliardi la quota dei rimborsi L`ipotesi al vaglio sarebbe quella di limitare i rimborsi a 4 miliardi per evitare di far saltare i conti. Il governo interverrà con tutta probabilità per decreto, in quanto la sentenza, benchè immediatamente esecutiva, specifica che l`esecutivo pùo intervenire per legge. I giudici hanno anche indicato la strada da seguire - la gradualità - citando una misura della finanziaria Letta del 2014: sarebbe corretto pagare il 95 per cento per i trattamenti superiori a tre volte quello minimo, il 75 per cento oltre le quattro volte, il 50 per quello oltre cinque volte. Padoan: "Rispetteremo la sentenza e gli obblighi con la Ue" Il governo italiano "lavora nel rispetto della sentenza" della Corte costituzionale e a "misure che minimizzino l`impatto della finanza pubblica" garantisce il ministro dell`Economia, Pier Carlo Padoan in occasione di un bilaterale con il presidente dell`Eurogruppo Jeroen Dijsselbloem. L`esecutivo adotterà misure "nel rispetto degli obblighi con la Ue" ha detto.
 
 
Fonte:
Rai News